USA lotta all’obesità: bisogna stringere la sorveglianza!

28 giugno, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_187633952Vi sono più americani obesi che non in sovrappeso, affermano alcuni ricercatori americani, che basano questa nuova conclusione su una rianalisi dei dati dello studio di sorveglianza noto con l’acronimo NHANES (National Health and Nutrition Examination Survey ).

Si stima, ad oggi, che 67,6 milioni di americani di età superiore a 25 siano obesi e circa 65,2 milioni siano in sovrappeso. Questa evidenza ribadisce la necessità urgente di un’azione di governo che potrebbe migliorare le diete degli americani e l’attività fisica, secondo Lin Yang, della divisione di scienze della salute pubblica, Washington University, a Saint Louis, Missouri.

Il dottor Yang e il suo collega, Graham Colditz, hanno pubblicato questi nuovi dati sulla rivista JAMA aggiungendo che la percentuale di donne che sono in sovrappeso o obese è aumentata dal 55% nel 1988-1994 al 63% dal 2007 al 2012. E gli uomini in sovrappeso o obesi l’aumento è stato dal 63% al 75%.

“Ma se la prevalenza di sovrappeso e obesità è ancora in aumento dipende da come i dati NHANES vengono tagliati” ha detto Cynthia Ogden, responsabile di una filiale CDC  (Centers for Disease Control and Prevention) in Atlanta, Georgia.

In lavori precedenti  si segnalava invece un plateau dell’obesità (JAMA 2014). In questa nuova analisi, i dati del NHANES riguardano un periodo più breve, confrontando le indagini effettuate ogni 2 anni 2003-2011.

“Negli ultimi 10 anni non vi è stata alcuna variazione lineare statisticamente significativa nella prevalenza dell’obesità adulta generale, anche se la prevalenza sembra rilevare un aumento tra le donne anziane “, ribadisce la Ogden. “Nel complesso, la cattiva alimentazione, l’inattività e l’obesità prevalenza rimangono elevati, e la sorveglianza in corso e interventi per aiutare le persone a mangiare più sano e diventare più fisicamente attiva continuano a essere importante “, ha concluso.

Molteplici sono gli interventi da portare avanti nella sorveglianza a livello nazionale, e molto è già stato fatto negli USA per la prevenzione dell’obesità che, secondo gli autori della nuova analisi, potrebbe essere efficace già a livello dei medici di famiglia che dovrebbero iniziare a pesare metodicamente i loro pazienti almeno una volta al mese.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*