Adolescenti: dal bullismo al gioco d’azzardo il Ministero lancia l’allarme

12 giugno, 2015 nessun commento


Share

Bullismo-300x198Grandi attenzione, i vostri figli non vivono poi così bene. Secondo lo studio HBSC (Health Behaviour in School-aged Children – Comportamenti collegati alla salute dei ragazzi in età scolare) del Ministero della Salute realizzato nell’ambito di un progetto internazionale promosso dall’Ufficio Regionale per l’Europa dell’Organizzazione mondiale della sanità per studiare gli stili di vita degli studenti di 11, 13 e 15 anni, le abitudini degli adolescenti peggiorano di anno in anno

Sono in aumento infatti  i ragazzi che dichiarano di aver subito episodi di bullismo: già a 11 anni, soprattutto le bambine. Se tra il 2010 e il 2014 l’aumento è stato generalizzato tra gli adolescenti, in particolare tra gli 11enni maschi la percentuale di coloro che hanno dichiarano di aver subito occasionalmente atti di bullismo sale dal 20,7% a 25,7% e tra le ragazze dal 9,2% al 17,3%.

Dallo studio, svolto in tutte le regioni, che ha il coordinamento scientifico delle Università di Siena, Padova e Torino e confronta i dati del 2010 (77.113 questionari) e quelli raccolti nel 2014 ( 63.148), emerge anche il fenomeno preoccupante del gioco d’azzardo: circa il 60% dei 15enni maschi e il 22% delle femmine lo ha sperimentato almeno una volta e quasi l’8% dei maschi è a rischio dipendenza, mentre quasi il 2% è da considerarsi dipendente. E se il consumo di alcol risulta in calo, tra i 15enni oltre il 15% dei maschi e il 12% delle femmine non rinuncia a bere uno o più drink al giorno, mentre a fumare tutti i giorni alla stessa età sono il 13,8% dei ragazzi e il 13,3% delle ragazze. Infine, il sovrappeso è in diminuzione, l’obesità in lieve calo ma è ancora troppo diffusa l’abitudine di saltare la colazione. Diminuiscono i ragazzi che trascorrono ore alla tv, mentre cresce la percentuale di quelli che passano tre o più ore a giocare a PC, smartphone o tablet.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*