Adolescenti e droghe: traumi infantili aumentano rischio abuso

13 giugno, 2016 nessun commento


Share

adolescenti drogaDa ricercatori della Columbia University arriva una nuova ricerca pubblicata sul Journal of American Academy of Child and Adolescent Psychiatry condotta su quasi 10.000 adolescenti che, per la prima volta, ha evidenziato come i traumi psicologici subiti nell’infanzia possano segnare pesantemente la vita futura di ogni persona. In parole semplici, i traumi psicologici subiti da bambini, le violenze domestiche, gli incidenti stradali o le calamità naturali, aumentano il rischio di diventare un adolescente che abusa di droghe, come marijuana o cocaina, ma anche di farmaci usati senza una ragione medica.

Lo studio

La ricerca è stata condotta su ragazzi degli Stati Uniti di età compresa tra 13 e 18 anni, il 36% dei quali ha riportato di aver avuto un qualche trauma prima degli 11 anni. In questi soggetti è stato rilevato un rischio di 1,5 volte più alto rispetto ai non esposti (rischio relativo: 1.50) di fare uso di marijuana, un rischio di quasi 3 volte più alto di utilizzare cocaina (2.78) e di quasi due volte maggiore per quanto riguarda l’uso immotivato di farmaci da prescrizione (1.80) o altri tipi di droghe (1.90), anche in concomitanza.

Commenti dell’autrice

“Abuso e violenza domestica sono risultati particolarmente dannosi per i bambini, aumentando le probabilità di ogni tipo di consumo di droga negli anni dell’adolescenza. Ma anche traumi dovuti a incidenti stradali, calamità naturali e gravi malattie avuti durante l’infanzia hanno mostrato avere un peso”, commenta l’autrice principale, Hannah Carliner, ricercatrice presso la Mailman School of Public Health della Columbia University. Anche avere un genitore che abusa di alcol, come è emerso, può provocare effetti simili. “Un intervento psicologico precoce durante questo periodo critico dell’adolescenza – sottolinea la ricercatrice – potrebbe avere ampi vantaggi per la salute e il benessere degli adulti”.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*