Alcol: “bevi responsabilmente” trae spesso in inganno

6 ottobre, 2017 nessun commento


Share

(Reuters Health) – “Bevi in modo responsabile” o “bevi correttamente”: messaggi che dovrebbero scoraggiare le persone a consumare alcoolici. Invece, secondo uno studio coordinato da Sandra Jones, dell’Australian Catholic University di Melbourne, i claims utilizzati dall’industria dell’alcool sarebbero fuorvianti e molte persone darebbero un significato diverso a questi messaggi. I risultati sono stati pubblicati da PLoS One.

Lo studio
Per valutare in che modo il pubblico percepisce i messaggi sul bere, il team australiano ha condotto un’indagine coinvolgendo 180 persone fermate in Centri Commerciali di Melbourne e Newcastle alle quali sono stati mostrati sei messaggi: “Bevi intelligente”, “Sappi quando dire basta”, “Non ti perderai un attimo se bevi in modo saggio”, “Bere: fallo in modo responsabile”, “I bambini assorbono il tuo alcool” e “I bambini e l’alcool non si mescolano”. I ricercatori hanno chiesto a ciascun partecipante cosa trasmetteva ogni dichiarazione e cosa significassero determinate parole come “responsabile” e “bambini”.
Le persone avrebbero dato una varietà di risposte con significati più diversi, associando spesso i messaggi con moderazione, consapevolezza dei limiti ed evitare di ubriacarsi. Ma il messaggio “come bere in modo corretto” avrebbe portato in confusione, con il 24% dei partecipanti che ha pensato che significava “essere belli quando si beve”. Un altro 21% avrebbe invece pensato che la frase significava “bere il giusto tipo di alcool” e l’8% avrebbe pensato che voleva dire di bere di più piuttosto che di meno.

Le riflessioni
“Quello che ci ha sorpresi di più è che la maggior parte delle persone ha confuso i messaggi”, hanno sottolineato i ricercatori. Inoltre, i claims mirati ai genitori rispetto ai ‘bambini’ erano vaghi sull’età. In Australia, l’età legale per bere è di 18 anni, ma solo la metà degli intervistati avrebbe pensato che i messaggi includessero anche i ragazzi di 16 e 17 anni. I ricercatori hanno anche condotto un’indagine online su 480 adulti ai quali mostravano annunci video, ottenendo risultati simili al primo esperimento. E i partecipanti avrebbero anche dichiarato che l’annuncio non avrebbe probabilmente cambiato le loro abitudini.“Siamo sempre più consapevoli dei danni connessi al consumo di alcool e dobbiamo comunicarli e capire come ridurli”, ha dichiarato Sandra Jones. “L’industria degli alcoolici sta cercando di seguire la strategia di quella del tabacco, ovvero confondere le persone con messaggi che sembrano consigliare la cosa giusta”. “Ricerche future dovrebbero essere fatte per esaminare quali messaggi funzionano e per incoraggiare il governo a condurre campagne chiare”, ha spiegato Peter Miller dell’Università Deakin a Geelong, in Australia, che non era coinvolto nello studio.

Fonte: PLoS One
Carolyn Crist
(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Nutri e Previeni)

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*