Alimentazione: le linee guida USA promuovono i grassi vegetali

5 febbraio, 2016 nessun commento


Share

olio burroLe ultime “Linee guida per l’alimentazione degli americani”, documento governativo di riferimento per i nutrizionisti che viene pubblicato ogni cinque anni, approvano l’utilizzo di olio d’oliva, oli di semi e margarine morbide di ultima generazione, perché tutti a base di grassi mono e polinsaturi, ritenuti essenziali per il benessere fisico. Lo sottolinea con soddisfazione Assitol, l’associazione che rappresenta l’industria olearia italiana, nel ricordare che per la “Bibbia” americana per l’alimentazione, “il miglior grasso è liquido”.

Raccomandazioni
“E’ controproducente – si legge nelle linee guida – escludere i grassi dall’alimentazione. Al contrario, è importante introdurre nella propria dieta quelli più salutari”. La novità, osserva Assitol, è che la componente di grassi della dieta quotidiana non è più emarginata ma, al contrario, valorizzata nelle sue componenti benefiche per l’organismo. Le linee guida suggeriscono di seguire le dosi raccomandate: “Consumare non più del 10% di calorie derivanti da grassi saturi”, e “limitare il più possibile, i grassi trans. Soprattutto in cucina, sarebbe opportuno usare gli oli vegetali – precisano i ricercatori americani – puntando su quelli a base di grassi mono e polinsaturi, e scegliere condimenti che contengono oli di origine vegetale”. Le linee guida giudicano positivamente anche la variante “funzionale” delle margarine morbide, con l’aggiunta di vitamine e omega-3. In sintesi, Assitol sottolinea come le Linee guida americane confermano le scelte dell’industria, che da tempo ha puntato sugli oli di origine vegetale e sui condimenti spalmabili, riformulando le ricette dei singoli prodotti in modo più salutistico e riducendone l’apporto calorico.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*