Bebè riconosce parole tra loro correlate

21 novembre, 2017 nessun commento


Share

Le capacità cognitive dei bebè sono veramente straordinarie. Per esempio molto prima dell’anno di vita conoscono il significato di diverse parole (specie quelle relative a cibi e parti del corpo) e riconoscono parole tra loro correlate (ad esempio macchina e passeggino). Lo rivela uno studio condotto presso la Duke University (USA) da un’esperta del settore, Elika Bergelson, che già aveva firmato uno studio simile che mostrava come i bebè già a 6-9 mesi hanno un buon ‘vocabolario’. La nuova ricerca, pubblicata sulla rivista PNAS, mostra che i bebè sono anche capaci di associare parole tra loro in qualche modo correlabili, come macchina e passeggino, e che più sono esposti alle parole di oggetti presenti di fronte a loro, insomma oggetti che possono vedere, più il loro ‘vocabolario’ è ricco.

Lo studio

Gli scienziati hanno compiuto lo studio in due tempi: prima hanno invitato in laboratorio coppie mamma-neonato e fatto vedere a quest’ultimo coppie di oggetti sullo schermo di un pc, mentre la mamma (che non vedeva lo schermo) doveva nominare uno solo degli oggetti comparso al video. Ebbene se la coppia di oggetti di fronte al bebè era in qualche modo correlata (ad esempio auto e carrozzina) lo sguardo del bebè si spostava più rapidamente tra i due oggetti sul video sentendo la mamma nominarne uno; invece per oggetti non correlati (confezione di latte e macchina) lo sguardo del bebè si posa a lungo solo sull’oggetto nominato.

Poi gli esperti hanno registrato video e audio di momenti normali della giornata del bebè e misurato quantità e qualità delle parole cui il piccolo è esposto nel quotidiano. Hanno così visto che il bambino impara meglio il significato di una parola quando l’oggetto nominato è presente alla sua vista; mentre l’apprendimento di una parola che non corrisponde a un oggetto per lui visibile nel quotidiano è più difficile. Il consiglio resta quello di sempre, conclude Bergelson: parlare molto ai propri bebè tutti i giorni per arricchire il loro vocabolario.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*