Bimbi e mal di pancia: tra le tante cause anche quelle emotive

24 febbraio, 2017 nessun commento


Share

Non c’è bambino che almeno una volta non abbia avuto il mal di pancia: uno dei disturbi più comuni, le cui cause possono essere molte, e che può essere avvertito in qualunque parte dell’addome. Spesso i bimbi, specie quando sono piccoli, non sanno dire quale sia esattamente la parte dolorante, per cui anche capire la causa del dolore può diventare difficile. Ad approfondire la questione dei mille mal di pancia dei bambini è il numero di febbraio di ‘A scuola di salute’, il magazine digitale mensile a cura dell’Isba (Istituto per la Salute) dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

Può essere importante focalizzarsi sull’intensità del dolore, la persistenza e la sua localizzazione. Tra le cause possono esserci, in età pediatrica, in fase di svezzamento l’introduzione di un alimento nuovo, un’infiammazione delle vie urinarie, stitichezza e gastroenteriti, o crisi di acetone, che provocano un dolore diffuso a tutto l’addome. Un approfondimento è dedicato ad alcuni segnali allarmanti del mal di pancia, come dolore in un punto ben preciso, acuto e continuo che causa il risveglio notturno, febbre, diarrea, vomito accompagnato da dolore o infiammazione rettale o intorno all’ano e sangue nelle feci.

A cura di Cristiana De Ranieri, psicologa clinica dell’ospedale pediatrico romano, vi è poi un’analisi sul fatto che il mal di pancia frequente possa avere una radice nelle emozioni, come rabbia, ansia di separazione, gelosia, difficoltà nei confronti dei coetanei. Un ruolo possono giocare anche eventi  stressanti, come lutti o divorzi dei genitori.

Infine, si fa il punto anche sulla sindrome del colon irritabile, un comunissimo e particolare disordine gastrointestinale, con sintomi e terapie che vanno dall’introduzione di più fibre e meno lattosio nella dieta, ai probiotici, per finire in alcuni casi con l’ipnoterapia e la terapia comportamentale che hanno dato risultati incoraggianti.

Tag:, , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*