Camminare: esercizio top ma sottovalutato

20 giugno, 2018 nessun commento


Share

Camminare è l’esercizio migliore per la salute, ma è anche il più sottovalutato. Spesso infatti si pensa che una corsa sia più efficace di una semplice camminata ma, al contrario, farla con concentrazione e una certa intensità può essere ugualmente efficace. A sostenerlo sono vari esperti americani sulla base di una serie di studi che compendiano anni di analisi sulle proprietà della camminata.

Ad esempio sono stati presi in esame uno studio condotto sulla salute dei corridori statunitensi denominato National Runners’ Health Study e una ricerca condotta invece su camminatori, il National Walkers’ Health Study. I ricercatori hanno osservato che nel corso dei 6 anni dell’analisi, l’energia consumata nelle due differenti pratiche (corsa e camminata) ha portato nei fatti alla stessa riduzione dei rischi di diabete, ipertensione, colesterolo alto, cardiopatie. Altre indagini hanno evidenziato come una camminata quotidiana riduce i rischi di ictus sia per uomini che per donne, di ospedalizzazioni e di morte.

A quanto pare, poi, i benefici del camminare non si fermano al corpo, ma si allargano anche alla mente. Da un’altra indagine della Stanford University è infatti emerso che il camminare come esercizio fisico aumenta l’emergere di idee creative del 60%: gli studiosi hanno definito questo tipo di creatività “pensiero divergente”, ossia capace di generare idee nuove. Varie analisi confermano inoltre da tempo che camminare abbassa l’ansia e aumenta il buonumore, la fiducia in sé stessi e il vigore.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*