Carenza di ferro nei bambini: meglio il solfato ferroso

15 giugno, 2017 nessun commento


Share

(Reuters Health) – Per aumentare la concentrazione di emoglobina nei bambini piccoli affetti da anemia da carenza di ferro nutrizionale (IDA), meglio Il solfato ferroso del complesso polisaccaridico di ferro,  secondo quanto emerge dai risultati dello studio BESTIRON, pubblicati on-line il 13 giugno da JAMA. “Supponevamo che i polisaccaridi di ferro fossero più efficaci del solfato ferroso nell’aumentare la concentrazione di emoglobina, quindi siamo stati sorpresi dai risultati dello studio”, di Jacquelyn M. Powers del Baylor College of Medicine di Houston, autrice principale dello studio. Il solfato ferroso è l’agente più comunemente usato per trattare l’IDA nutrizionale, ma i preparati di complessi di ferro polisaccaridici sono spesso preferiti per la loro più facile somministrazione e tollerabilità.

Lo studio
In un trial randomizzato di 12 settimane, Powers e colleghi hanno confrontato il solfato e i complessi polisaccaridi di ferro in 80 neonati e bambini di età compresa tra i 9 e i 48 mesi affetti da IDA nutrizionale.La concentrazione media dell’emoglobina è aumentata da 7,9 a 11,9 g/dL nel gruppo ‘solfato ferroso’ e da 7,7 a 11,1 g/dL nel gruppo ‘complesso polisaccaridico di ferro’, il che significa una maggiore efficacia del solfato ferroso nel migliorare la concentrazione di emoglobina. La percentuale di risoluzione completa dell’IDA è stata più alta nel gruppo ‘solfato ferroso’ rispetto al gruppo ‘complesso polisaccaridico di ferro’ (29% vs 6%) e ci sono stati maggiori aumenti dei livelli sierici medi di ferritina con l’impiego del solfato di ferro.Vi sono state segnalazioni più numerose di episodi di diarrea con l’utilizzo di complessi di polisaccaridi di ferro, ma gli effetti avversi gastrointestinali nel loro insieme (dolore addominale, costipazione, vomito e diarrea) sono risultati simili nei due gruppi di bambini. I pazienti di entrambi i gruppi hanno mostrato miglioramenti simili. I genitori dei piccoli hanno riferito che la somministrazione del complesso di polisaccaridi di ferro (94%) era più facile rispetto al solfato ferroso (82%).

I commenti
“Il messaggio principale che vogliamo trasmettere ai medici che trattano i bambini piccoli con anemia da carenza di ferro nutrizionale consiste nel fatto che un regime giornaliero di solfato ferroso a basso dosaggio (3 mg/kg di ferro elementare somministrato una volta al giorno) può essere efficace e dovrebbe essere preso in considerazione – conclude Powers – I genitori di bambini con anemia da carenza di ferro, ai quali è stato prescritto solfato ferroso ma che hanno difficoltà a somministrare in modo efficace il farmaco al loro piccolo, consiglio di utilizzare un complesso di polisaccaridi di ferro come quello usato nello studio”.

Fonte: JAMA 2017

Will Boggs MD

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Nutri&Previeni)

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*