Correre fa bene alle ginocchia e diminuisce il rischio di artrite

20 gennaio, 2017 un commento


Share

Contrariamente a quanto si possa pensare correre fa bene alle ginocchia, mentre stare seduti aumenta il rischio di artrite. Ad affermarlo sono i risultati, seppur preliminari, di uno studio della Brigham Young University riportato dall’European Journal of Applied Physiology, secondo cui la corsa diminuisce la concentrazione di alcune molecole pericolose nell’articolazione.

I ricercatori hanno reclutato 15 corridori sotto i 30 anni, sottoponendoli a un prelievo di sangue e di liquido sinoviale, un lubrificante che aiuta lo scorrimento delle cartilagini, dal ginocchio destro. Ai soggetti è stato chiesto poi di stare mezz’ora seduti e poi di fare una corsa di mezz’ora su un tapis roulant alla velocità preferita, con un ulteriore prelievo dopo ogni fase.

I campioni sono stati poi analizzati alla ricerca di molecole legate all’infiammazione, una delle cause principali dell’artrite. I dati, solo di sei atleti per la difficoltà di estrarre sufficiente liquido, hanno mostrato che dopo la corsa i livelli della proteina Comp, che si accumula nelle ginocchia malate, si abbassano nel liquido sinoviale, cosi’ come quelli di un’altra sostanza legata all’infiammazione.

L’opposto avviene dopo la mezz’ora seduti, con i livelli che si alzano leggermente. “Per quanto riguarda la proteina Comp all’abbassamento nel liquido sinoviale corrisponde un innalzamento nel sangue, come se venisse ‘strizzata via’ dalle ginocchia – scrivono gli autori – Lo studio, anche se preliminare, suggerisce che mezz’ora di corsa migliora le condizioni delle ginocchia”.

Tag:,

One comment on “Correre fa bene alle ginocchia e diminuisce il rischio di artrite
  1. Giorgio ha detto:

    Non credo al risultato di questa ricerca data la reale impossibilita’ di estrarre con artrocentesi una quantita’ anche minima di liquido sinoviale da un ginocchio sano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*