Criticate aspramente le nuove linee guida dietetiche americane

30 settembre, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_54831181La relazione della commissione degli esperti, nelle sue revisioni su temi cruciali, sui cui si basano le nuove linee guida dietetiche per gli americani, ha omesso  di analizzare gran parte della letteratura scientifica pertinente, col rischio di fornire un quadro fuorviante sull’importanza dell’alimentazione sulla salute pubblica.

“La preoccupazione per questa evidenza ha spinto il Congresso degli Stati Uniti a programmare un’interrogazione a breve sulle linee guida appena stilate, nella quale testimonieranno due segretari di gabinetto” scrive la giornalista Nina Teicholz in un editoriale sul BMJ (British Medical Journal).

“Le linee guida interesseranno la dieta di decine di milioni di cittadini americani, così come le priorità in materia di etichettatura alimentare, formazione e ricerca. In passato, la maggior parte delle nazioni occidentali ha adottato consigli dietetici simili. Esse si basavano su una relazione elaborata da un comitato consultivo – un gruppo di 14 esperti incaricati di rivedere le migliori e più attuali evidenze della scienza per formulare le raccomandazioni nutrizionali che promuovono la salute e combattono le malattie” – ha spiegato Teicholz.

Il comitato di esperti precedente, nel 2010, aveva fatto ampi sforzi per portare maggiore rigore scientifico a questa peocedura, utilizzando le prove  presenti nella Nutrition Evidence Library (NEL), realizzata dal US Department of Agriculture (USDA), per agevolare le revisioni.

“Ma il comitato del 2015, non ha usato gli stessi metodi per la maggior parte delle sue analisi”, nota Teicholz. “ Le nuove linee guida sono pesantemente basate su revisioni sistematiche di organismi e associazioni di pofessionisti, come l’American Heart Association e l’American College of Cardiology, che sono supportati da aziende alimentari e farmaceutiche.

“ E i membri del comitato revisore, inoltre, non sono tenuti a elencare i loro potenziali conflitti di interesse, sugli articoli della letteratura selezionati “ad hoc”, senza seguire alcun criterio sistematico d’identificazione, selezione e valutazione degli studi considerati” – aggiunge Teicholz.

“Sui grassi saturi, ad esempio, il comitato non ha condotto una revisione formale della letteratura degli ultimi cinque anni, anche se alcuni documenti importanti pubblicati dal 2010 non hanno confermato alcuna associazione tra grassi saturi e malattie cardiache. Nonostante la grande quantità di prove contrastanti negli ultimi cinque anni, la relazione della commissione conclude confermando che le prove che collegano il consumo di grassi saturi alle malattie cardiovascolari sono “forti” continua Teicholz. “E ancora, sull’efficacia delle diete a basso contenuto di carboidrati, il comitato non ha richiesto una revisione sistematica della letteratura degli ultimi cinque anni alla NEL , scrive Teicholz. “Eppure, decine di studi clinici randomizzati pubblicati dal 2000 ad oggi dimostrano che le diete a basso contenuto di carboidrati sono uguali se non migliori di altri approcci nutrizionali per il controllo glicemico del diabete di tipo 2, il raggiungimento della perdita di peso a breve termine, e per migliorare la maggior parte dei fattori di rischio delle malattie cardiache”.

“Dato il crescente pedaggio pagato da queste condizioni e il fallimento delle strategie esistenti per fare progressi significativi nella lotta contro l’obesità e il diabete, ad oggi, ci si potrebbe aspettare che il comitato faccia da guida per accogliere tutte le nuove, promettenti strategie alimentari”, dice Teicholz. “Eppure il comitato attacca in gran parte lo stesso consiglio che ha indicato per decenni di mangiare meno grassi saturi (nella carne e nei prodotti lattiero-caseari) e più alimenti vegetali per una buona salute”.

“L’abbandono dei metodi di revisione stabiliti apre la porta non solo a errori potenziali, ma anche alla possibilità d’influenza dall’esterno e da parte degli interessi commerciali, e tutti questo si vede nell’ultima relazione degli esperti”, osserva. “La tendenza prevalente della relazione del comitato – aggiunge – “sembra essere quella di preservare le raccomandazioni nutrizionali degli ultimi 35 anni”. “Tuttavia, gli esperti confidano sul fatto che i loro risultati siano supportati da buona scienza.

Il presidente della commissione, Barbara Millen ha detto: ” Su argomenti dove c’erano direttive generali pre-esistenti, non abbiamo fatto ricorso alla NEL. Abbiamo utilizzato tali risorse e tempo per altre questioni”, ha spiegato. “Ecco perché si dispone di un comitato di esperti…per portare un know-how”, tra cui “le nostre analisi originali.”

“Sui grassi saturi, Millen ha dichiarato che la sua commissione ha “lavorato con l’assistenza della NEL e di USDA per identificare la letteratura utile.” E sulle diete a basso contenuto di carboidrati, ha detto che non vi erano  prove sostanziali da considerare. “Molte diete popolari non hanno prove. Ma si può raggiungere salubrità? la risposta è sì.” Per quanto riguarda i conflitti di interesse del comitato, Millen ha detto che i membri sono stati controllati da un avvocato del governo federale .

“Eppure, dato il sempre crescente pedaggio pagato da obesità, diabete e malattie cardiache, e il fallimento delle strategie esistenti per farsi strada nella lotta contro queste malattie, vi è un urgente bisogno di fornire consigli nutrizionali sulla base di solidi dati scientifici” – ribadisce e sostiene con forza Teicholz.

“Potrebbe essere il momento giusto per chiedere alle nostre autorità di convocare un nuovo pannello di esperti veramente indipendente, formato da scienziati liberi da potenziali conflitti per intraprendere una revisione globale, al fine di garantire che la selezione delle linee guida dietetiche del comitato diventi più trasparente, e che un maggior rigore scientifico delle prove fornite possa essere utilizzato per produrre la migliore politica nutrizionale possibile “, conclude.

La dottoressa Fiona Godlee, Editor in Chief  del BMJ  ha aggiunto: “Queste linee guida sono estremamente influenti, riguardando la dieta e la salute in tutto il mondo occidentale. Il minimo che ci si aspetterebbe è che siano basate sulle migliori conoscenze scientifiche disponibili. Invece la commissione ha abbandonato la metodologia standard, lasciandoci con le stesse raccomandazioni dietetiche di prima – basso contenuto di grassi, alti carboidrati. Crescenti evidenze suggeriscono che questi consigli stanno guidando, piuttosto che risolvendo, le attuali epidemie di obesità e diabete di tipo 2. E anche i conflitti di interesse del comitato sono preoccupanti. Abbiamo urgente bisogno di una revisione indipendente delle prove e di nuove proposte sulla dieta e il suo ruolo nella salute pubblica. “

Tag:, , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*