Cuore: una porzione di mirtilli al giorno ne riduce il rischio

3 Giugno, 2019 nessun commento


Condividi:

Consumare una porzione di mirtilli da circa 150 grammi al giorno riduce del 15% i fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. A sostenerlo è una ricerca condotta dalla University of East Anglia in collaborazione con diversi atenei, tra cui anche quello di Harvard e pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition.

Il gruppo di ricerca ha analizzato gli effetti dei mirtilli sulla sindrome metabolica, una condizione che colpisce un terzo degli adulti in Occidente e che comprende almeno tre fattori tra ipertensione, glicemia alta, eccesso di grasso corporeo intorno alla vita, bassi livelli di “colesterolo buono” e alti livelli di trigliceridi.

Sono state analizzate per sei mesi 138 persone. I ricercatori hanno esaminato i benefici del consumo di porzioni da 150 grammi (una tazza) rispetto alle porzioni da 75 grammi (mezza tazza). I partecipanti hanno mangiato i mirtilli in forma liofilizzata e un gruppo placebo ha ricevuto un’alternativa di colore viola fatta di coloranti e aromi artificiali.

“Abbiamo scoperto che mangiare una tazza di mirtilli al giorno portava a miglioramenti sostenuti della funzione vascolare e della rigidità arteriosa, riducendo il rischio di malattie cardiovascolari tra il 12 e il 15%”, ha spiegato Peter Curtis, ricercatore che ha condotto l’analisi.

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*