Dagli USA due test informatici per valutare capacità residue dopo trauma cranico

30 agosto, 2016 nessun commento


Share

cervelloSono in arrivo dagli Stati Uniti due nuovi strumenti informatici studiati per valutare le funzioni cognitive subito dopo una sospetta lesione o commozione cerebrale, anche nei bambini: si tratta di due test già approvati per la vendita dalla Food and drug administration (Fda), l’agenzia Usa che regola i farmaci.

Spiegano gli esperti
Saranno utilizzati, precisa l’authority sul proprio sito, dai medici nel valutare i segni e i sintomi di un infortunio alla testa, non per diagnosticare un trauma cranico o determinare le terapie appropriate, ma per verificare le capacità cognitive, come la memoria delle parole e il loro riconoscimento, il tempo di reazione e tutto ciò che potrebbe venire compromesso da una lesione al capo. I risultati vengono poi messi a confronto con una banca dati di controllo, a seconda dell’età, o con i punteggi ottenuti dal paziente stesso prima dell’incidente, se disponibili.

”E’ uno strumento nuovo e utile per aiutare a valutare i pazienti che mostrano dei possibili segni di commozione cerebrale – commenta Carlo Pena, della Fda – ma i medici non devono basarsi solo su questi per determinare ad esempio se un giocatore infortunato può tornare in campo ”. I due programmi informatici funzionano su qualsiasi computer e valutano i risultati di persone tra i 12 e 59 anni nel caso degli adulti, e dai 5 agli 11 anni nel caso di pazienti pediatrici.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*