Caffè appena svegli dopo aver dormito male? Non è una buona idea

Condividi:

(Reuters Health) – Dopo aver dormito male, bere un caffè forte per “svegliarsi”, prima di fare colazione, non è una buona idea. Perché? Il caffè a digiuno riduce la tolleranza al glucosio, quindi è molto meglio prima fare colazione e poi prendere il caffè. A questa conclusione è giunto un piccolo studio pubblicato dal British Journal of Nutrition. Ognuno dei…

Leggi

Sintomi depressivi comuni nei primi tre anni dopo il parto

Condividi:

(Reuters Health) – Uno studio USA di coorte basato sulla popolazione indica che circa una donna su quattro ha forti sintomi di depressione nei tre anni successivi al parto. I ricercatori dell’Eunice Kennedy Shriver National Institute of Child Health and Human Development di Bethesda – guidati da Diane Putnick – hanno raccolto le cartelle cliniche e le informazioni sulle gravidanze…

Leggi

Problemi respiratori: un possibile aiuto dalle vitamine A, E e D

Condividi:

Un elevato apporto di vitamine A, E, e D da alimentazione e integratori potrebbe diminuire i problemi respiratori negli adulti, dal comune raffreddore all’asma. A dirlo è ricerca della School of Public Health dell’Imperial College di Londra condotta da Suzana Almoosawi e pubblicata su BMJ Nutrition Prevention & Health. Inoltre, per la particolare situazione di emergenza da Covid-19 che stiamo…

Leggi

Rene policistico: bene i polifenoli delle foglie d’ulivo

Condividi:

I polifenoli contenuti nelle foglie dell’ulivo e lo stesso olio di oliva di alcune particolari cultivar del territorio italiano, contrastano e rallentano la progressione di alcuni meccanismi fortemente implicati nel danno renale. A indicarlo diversi studi condotti in questi anni presso il Centro di Ricerca “Rene e Trapianto”, collocato all’interno della Struttura Ospedaliera di Cosenza, diretto dal nefrologo Renzo Bonofiglio.…

Leggi

Gravidanza: epidurale durante il travaglio e rischio di autismo

Condividi:

(Reuters Health) – L’analgesia epidurale durante il travaglio è correlata a un rischio aumentato di disturbi dello spettro autistico nel bambino. È quanto emerge da uno studio retrospettivo condotto da ricercatori del Kaiser Permanente Baldwin Park Medical Center, in California. Oltre il 70% delle donne riceve analgesia epidurale o altre forme di anestesia neuroassiale durante il travaglio. Ciò si è…

Leggi

Celiachia: il legame con problemi cutanei esiste

Condividi:

(Reuters Health) – Secondo una recente indagine online condotta negli USA, l’8% dei pazienti celiaci presentano anche dermatite erpetiforme. Oltre il 90% dei pazienti con dermatite erpetiforme ha un’enteropatia sensibile al glutine associata, ma la prevalenza di questa patologia dermatologica nei pazienti celiaci è ancora poco chiara. Per approfondire l’argomento, Bridget E. Shields e colleghi, della Perelman School of Medicine…

Leggi

Tumore del seno: da analisi geni riparatori DNA possibile prognosi a tre e cinque anni

Condividi:

(Reuters Health) – Una ‘firma’ prognostica sulla base di otto geni correlati alla riparazione del DNA (DRG) sarebbe in grado di prevedere con precisione la sopravvivenza complessiva nelle donne con tumore del seno. A riferirlo è un team di scienziati guidato da Zhijun Dai, della Zhejiang University, in Cina. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su JAMA Network Open.…

Leggi

Malattie infiammatorie intestinali: attenzione al fruttosio

Condividi:

La dieta è una parte fondamentale nella prevenzione e nella gestione delle malattie. Ora un nuovo studio suggerisce che il consumo di fruttosio può peggiorare l’infiammazione intestinale comune nelle malattie infiammatorie intestinali (Ibd). Questo tipo di patologie è in aumento in tutto il mondo. Secondo i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, ogni anno vengono diagnosticati circa…

Leggi

Bambini e obesità: ridurre gli spot in tv dei cibi grassi

Condividi:

Limitare il tempo in tv dedicato a pubblicità di cibi e bevande ricche di grassi, zuccheri e sale potrebbe dare un contributo alla riduzione dell’obesità infantile. Lo rileva una ricerca guidata dall’Università di Cambridge, nel Regno Unito, pubblicata sulla rivista Plos Medicine. Lo studio spiega che se tutta la pubblicità di cibi e bevande ricche di grassi, zuccheri e sale…

Leggi

Disturbi ossessivi: ‘riscrivere’ i ricordi per prevenirli

Condividi:

Eliminare i ricordi negativi legati ai rimproveri in età infantile che spesso sono alla base di disturbi ossessivo-compulsivi da adulti potrebbe aiutare a gestire proprio queste condizioni. A suggerirlo sono i risultati di uno studio  della Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Roma, pubblicato a settembre scorso sulla rivista Frontiers in Psychiatry. Il disturbo ossessivo-compulsivo (Doc), spiegano gli esperti, è una…

Leggi

Osteoartite: capirla tramite lo studio degli zuccheri

Condividi:

La piena comprensione dell’osteoartrite potrebbe passare per l’analisi degli zuccheri. Con una spettrometria di massa, infatti, gli studiosi dell’Università dell’Australia Meridionale hanno dimostrato come diversi zuccheri complessi siano associati ai tessuti cartilaginei danneggiati dall’osteoartrite. La scoperta, pubblicata su International Journal of Molecular Sciences, potrà  aiutare potenzialmente a superare una delle principali sfide della ricerca sulla malattia, identificando il motivo per…

Leggi

Il tema: menopausa prima dei 40 anni

Condividi:

Al centro della Giornata mondiale della menopausa in programma il 18 ottobre quest’anno ci sarò l’arrivo precoce di questa condizione. L’International Menopause Society (Ims), che promuove l’appuntamento internazionale, intende puntare l’attenzione sull’insufficienza ovarica prematura, che si verifica quando le ovaie di una donna esauriscono gli ovociti prima dei 40 anni. Per la maggior parte delle donne non è possibile identificare…

Leggi

Disturbi cutanei e rischio di allergia alimentare

Condividi:

Due varianti comuni del gene KIF3A aumentano il rischio che i bambini piccoli abbiano una barriera cutanea disfunzionale e che sviluppino un eczema. Questo, a sua volta, può permettere alle esposizioni ambientali di attraversare più facilmente la barriera cutanea e contribuire allo sviluppo di allergie alimentari e asma durante la crescita. Lo studio, pubblicato su Nature Communications, getta nuova luce…

Leggi

Stile di vita di coppia impatta sul rischio di sviluppare diabete

Condividi:

Come prevedibile, i fattori di rischio correlati allo stile di vita, fra cui attività fisica e dieta, hanno maggiore influenza nel determinare il rischio di diabete di tipo 2 all’interno di una coppia sposata rispetto ai fattori fisiologici come la tolleranza al glucosio o la sensibilità all’insulina, come emerge da un’indagine condotta sul database dello studio Maastricht, incentrato sulle cause…

Leggi

Stile di vita: scelte sane prevengono patologie sia cardiovascolari che renali

Condividi:

Molte delle stesse scelte per uno stile di vita sano che vengono raccomandate per la prevenzione delle patologie cardiovascolari arrestano anche lo sviluppo delle nefropatie croniche, come emerge da una revisione con meta-analisi di 51 studi effettuata da Jaimon Kelly della Griffith University australiana. In precedenza non era emersa alcuna raccomandazione basata sulle evidenze per lo stile di vita nella…

Leggi

Fibra alimentare, gli acidi grassi proteggono dalla Salmonella

Condividi:

Nuove ricerche sui topi hanno scoperto un’interazione precedentemente sconosciuta tra molecole derivate da fibre alimentari e una proteina delle cellule immunitarie, che innesca una protezione contro le infezioni da Salmonella. Ricerche precedenti hanno dimostrato che i microbi nell’intestino scompongono la fibra ingerita in molecole note come acidi grassi a catena corta. Questi sembrano proteggere da agenti patogeni come la Salmonella…

Leggi

Adolescenti che usano e-cig “sfuggono” più facilmente al controllo dei genitori

Condividi:

(Reuters Health) – I ragazzi che fumano sigarette elettroniche hanno minori possibilità di essere “scoperti” dai genitori rispetto ai loro coetanei che fumano sigarette tradizionali. È quanto emerge dall’ampia messe di dati fornita dal Population Assessment of Tobacco and Health Study americano, che ha valutato che ha valutato l’uso di prodotti a base di tabacco da parte degli adolescenti, la…

Leggi