Declino fertilità: consigli pratici per prevenzione e trattamento

11 marzo, 2016 nessun commento


Share

gravidanzaNegli ultimi anni la fertilità è in declino, tuttavia le cause di questo fenomeno sono ancora poco chiare, pertanto conoscerle più a fondo e trattarle precocemente può favorire la procreazione naturale, e questo è sicuramente un percorso che aiuta medici e future mamme. A tal fine all’Istituto Nazionale Tumori, CRO, di Aviano, si è tenuto un corso per operatori sanitari per promuovere la fertilità naturale con l’intento di rendere meno necessario il ricorso alla procreazione medicalmente assistita o all’ovodonazione, ma imparare anche a ridurre i costi economici e sociali e i rischi oncologici.

Le cause del declino
La principale causa del declino rimane l’età femminile troppo tardiva in cui si inizia a cercare di concepire. In base a stime recenti per la realizzazione di una famiglia, le coppie che desiderano non dover ricorrere alla fecondazione in vitro, dovrebbero iniziare entro e non oltre i 27 anni per avere una possibilità di almeno il 90% di riuscire ad avere due figli naturalmente. Mentre l’età limite è di 32 anni se vogliono un figlio unico, ma è di soli 23 anni se vogliono avere tre figli. “Molti pensano che la fecondazione in vitro possa essere una soluzione – spiega Lino Del Pup presidente della Società italiana conservazione fertilità endocrino-oncologia ginecologica all’Istituto Nazionale Tumori, CRO, Aviano – senza fare i conti con i costi e i rischi della procedura. Fortunatamente la prevenzione delle fertilità in moltissimi punti coincide con la prevenzione tumori e cardiovascolare”.

I consigli degli esperti

Prevenire dunque e proteggere la fertilità si può anche grazie a pratici consigli degli esperti:
– cerca di concepire in un’età più giovane possibile
proteggiti dalle infezioni, non sottovalutarne i sintomi e richiedi di diagnosticarle e trattarle precocemente
– segnala se hai mestruazioni dolorose, dolori pelvici cronici, aborti ricorrenti, fibromi o altri sintomi ginecologici
evita il fumo, l’alcool, le droghe, riduci la caffeina
– tenta di ridurre lo stress e di riposare adeguatamente, non fare attività fisica estrema e tratta le disfunzioni sessuali
– mantieni un peso nella norma, non dimagrire troppo o troppo rapidamente e riduci l’adipe in eccesso, in particolare quella addominale, e tratta i disturbi del metabolismo degli zuccheri
– scegli cibi sani e con effetti antiossidanti o usa integratori che ti aiutino a proteggere il patrimonio di ovociti, l’integrità del DNA e aiutino a prevenire le malformazioni del nascituro
– proteggiti delle sostanze inquinanti, radiazioni e campi elettromagnetici. Se svolgi un lavoro a rischio per la fertilità, adotta e fai adottare tutte le misure preventive
– valuta se nelle tua famiglia ci sono malattie genetiche, casi di menopausa precoce, aborti ripetuti o infertilità e se i cicli mestruali divengono anomali, se hai vampate o sintomi di precoce insufficienza ovarica informane subito il ginecologo
– se hai un tumore, stai per iniziare un trattamento oncologico e desideri avere un figlio rivolgiti subito a chi si occupa di fertilità e tumori

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*