“Diabesità”: eccesso di peso e diabete da curare con la ‘chirurgia metabolica’

27 giugno, 2017 nessun commento


Share

Con il termine “diabesità” s’intende indicare una combinazione di diabete ed obesità, due condizioni patologiche che generalmente sono associate e che si possono anche curare insieme con la chirurgia. Dell’argomento si parla al Congresso della Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo in corso a Firenze.

Secondo gli esperti, è sempre più evidente che, una volta escluse malattie endocrine che possano generare aumento di peso e alterazioni glicemiche, la cura del diabete non può prescindere dalla cura dell’obesità. Dal greco ‘barus’ ossia peso, la chirurgia bariatrica si effettua per trattare chirurgicamente l’obesità e già da qualche tempo si chiama anche ‘chirurgia metabolica’ poiché ha dimostrato la sua efficacia nel migliorare il controllo glicemico nei pazienti diabetici, indipendentemente dall’effetto sul peso. In Italia ci sono poco più di 50 centri specializzati con almeno 50-100 interventi mese, da Nord a Sud.

“Il ritorno dei valori della glicemia e dell’emoglobina glicosilata (o glicata) nei limiti della norma si osserva già pochi giorni dopo l’intervento chirurgico, quando il cambiamento di peso è minimo”, ha spiegato Geltrude Mingrone, direttore della Uoc Patologie dell’obesità al Policlinico Universitario Gemelli di Roma nel corso della lettura magistrale che ha aperto il Congresso.

Dopo la chirurgia metabolica, in particolare bypass gastrico e diversione bilio-pancreatica, si verifica una remissione del diabete fino a 5 anni nel 40% dei pazienti, i quali perciò non hanno più bisogno di terapia farmacologica. Nel 70% ed oltre dei pazienti, la sola terapia farmacologica orale consente un ottimo controllo glicemico ed anzi, le complicanze micro e macrovascolari del diabete si presentano largamente ridotte rispetto ai soggetti in terapia medica”.

Eppure, a fronte dei circa 600 mila pazienti che ne avrebbero bisogno, sono solo 15 mila gli interventi di chirurgia metabolica che ogni anno vengono effettuati in Italia, dove si stima che l’1% sia colpito da obesità conclamata riconosciuta dal Servizio sanitario nazionale e causa di patologie associate a carico del cuore, dell’apparato muscolo-scheletrico, dei grandi vasi e del sistema metabolico oltre che mortalità. Con la chirurgia metabolica, dunque, si può assicurare una più soddisfacente e sana qualità di vita per i pazienti ma anche una riduzione dei costi in terapie farmacologiche per il Servizio sanitario nazionale.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*