Diabete di tipo 1: buon controllo glicemico con la dieta VLCD

10 maggio, 2018 nessun commento


Share

(Reuters Health) – Una dieta caratterizzata da un bassissimo contenuto di carboidrati (VLCD – very-low-carbohydrate diet) sembra offrire un buon controllo glicemico nei bambini e negli adulti affetti da diabete di tipo 1. Questa evidenza emerge da una ricerca coordinata da Belinda Lennerz, del Boston Children’s Hospital, e pubblicata da Pediatrics.

La premessa
Il regime alimentare basato sulla decisa restrizione dei carboidrati veniva usato prima della scoperta dell’insulina. Poco si sa ancora sulla diffusione della VLCD, che è definita come un’assunzione tra 20 e 50 grammi di carboidrati al giorno o dal 5 al 10% o meno come proporzione di calorie.

Lo studio
Lennerz e colleghi hanno intervistato 316 persone iscritte alla community online per pazienti con diabete di tipo 1 TypeOneGrit, che seguono la dieta VLCD e un metodo di gestione del diabete raccomandato nel libro Dr. Bernstein’s Diabetes Solution. Questo metodo consiglia fino a 30 grammi al giorno di carboidrati derivanti da verdure e frutta secca, con un basso indice glicemico. Inoltre, alimenti ad alto contenuto proteico vengono introdotti in sostituzione dei carboidrati.I partecipanti hanno riportato un’assunzione media giornaliera di 36 grammi di carboidrati e un valore di HbA1c del 5,67%, con il 97% dei pazienti che aveva raggiunto gli obiettivi di controllo della glicemia raccomandati dalla American Diabetes Association. La dose media giornaliera di insulina era di 0,40 unità/Kg.

Le evidenze
Con la dieta, i tassi di eventi avversi sono risultati bassi, anche se il 68% dei partecipanti ha riferito un’ipoglicemia sintomatica nell’ultimo mese. Solo il 2% ha riportato grave ipoglicemia e solo l’1% ha riportato ricoveri per chetoacidosi diabetica. Inoltre, il controllo glicemico sarebbe stato simile per adulti e bambini. Gli intervistati hanno mostrato soddisfazione per la gestione del diabete con la dieta, ma il 27% non ha parlato del fatto di aderire a un regime alimentare VLCD con il suo medico e solo il 49% ha concordato con lo specialista il fatto di aderire a questa dieta.

I commenti
“Questo risultato è senza precedenti per le persone con diabete di tipo 1, che di solito hanno fluttuazioni di glucosio nel sangue e hanno bisogno di puntare a maggiori livelli di zuccheri per evitare riduzioni critiche”, dice Lennerz, sottolineando, comunque, che si tratta di uno studio osservazionale e che sono necessarie ulteriori ricerche per capire se è un risultato generalizzabile e per confermare la sicurezza di questa dieta, prima di modificare le raccomandazioni di trattamento. “Se i pazienti scelgono di assumere pochi carboidrati dovrebbero farlo sotto la guida del loro medico, poiché le dosi di insulina e altri aspetti della gestione della malattia potrebbero aver bisogno di essere adattati”, aggiunge la ricercatrice. Secondo Joyce Lee, dell’Università del Michigan di Ann Arbor, “la nutrizione è una parte importante del diabete che spesso non ha la dovuta attenzione. Ci possono essere benefici nella riduzione dei carboidrati, anche se non ai livelli estremi indicati nella VLCD”, ha sottolineato.

Fonte: Pediatrics
Will Boggs
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Nutri&Previeni)

Tag:,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*