Difetti congeniti: donne in gravidanza più attenzione ai detergenti

21 giugno, 2017 nessun commento


Share

Uno studio pubblicato dalla rivista Birth Defects Research rivela che due composti chimici presenti nei prodotti usati per le pulizie domestiche e per l’igiene personale causano, nei roditori, malformazioni del tubo neurale. Si tratta di difetti presenti già dalla nascita e che si verificano nel primo mese di gravidanza e colpiscono il cervello, la colonna vertebrale o il midollo spinale del feto.

I ricercatori dell’Edward Via College of Osteopathic Medicine (VCOM) e del Virginia Tech, negli Stati Uniti, hanno studiato l’effetto di una classe di sostanze chimiche di uso comune denominate composti di ammonio quaternario, e in particolare il cloridrato di Alchil-dimetil-benzilammonio (Adbac) e Didecildimetilammonio cloruro (Ddaa). A causa delle loro proprietà antimicrobiche e conservanti, vengono utilizzati abitualmente come disinfettanti in prodotti per la pulizia della casa, detersivi per bucato e ammorbidenti ma anche shampoo e balsamo.

I topi maschi e femmine li hanno ricevuti nel loro cibo, oltre e nell’aria che respiravano. Quindi i ricercatori hanno valutato gli embrioni al decimo giorno della gravidanza e al diciottesimo giorno, trovando che i difetti del tubo neurale erano aumentati in proporzione con l’esposizione ambientale ai prodotti chimici. Inoltre bastava esporre anche solo i maschi all’ambiente chimico-carico all’interno della stanza a causare difetti riproduttivi nella prole. Infine è stata osservata una più alta probabilità di difetti di nascita per due generazioni dopo la fine dell’esposizione.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*