Donne postmenopausa e prevenzione cancro: muoversi, muoversi!

18 luglio, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_81860380Le donne in postmenopausa, soprattutto se obese, che fanno attività fisica per  300 minuti a settimana, mostrano una riduzione del grasso totale e delle altre misure di adiposità. Questo è quanto è stato dimostrato, in sostanza, nel corso di una sperimentazione clinica durata un anno, secondo quanto riportato online sulla rivista JAMA Oncology.

L’attività fisica è una strategia economica e non invasiva per la prevenzione delle malattie, è sostenuta dalle agenzie di salute pubblica in tutto il mondo, con la raccomandazione di essere fisicamente attivi almeno 150 minuti a settimana se l’attività fisica è d’intensità moderata o da 60 a 75 minuti a settimana, se è d’intensità vigorosa; e questo vale per la salute in generale. Per le donne in postmenopausa i benefici aumentano, perché il grasso corporeo e il grasso addominale con l’aumento di peso sono stati associati a un aumento del rischio di cancro al seno, secondo i dati di fondo dello studio.

Christine M. Friedenreich e colleghi (Alberta Health Services, Canada), hanno confrontato 300 minuti con 150 minuti a settimana di attività aerobica, da moderata a vigorosa, verificandone gli effetti sul grasso corporeo, in 400 donne in post-menopausa con abitudini sedentarie, equamente divise in due gruppi di esercizio.

Alle partecipanti, che avevano un BMI  22-40%, è stato chiesto di non cambiare la loro dieta abituale. Qualsiasi attività aerobica che provocava un rialzo dal 65% al 75% della frequenza cardiaca di riserva è stata concessa; camminare a piedi, andare in bicicletta e correre.

Si è così dimostrato che la riduzione media del grasso corporeo totale era maggiore nel gruppo che esercitava  300 minuti di attività rispetto al gruppo dei 150 minuti (perdita di 1 kg o 1% di grasso corporeo). In particolare, il grasso addominale, il grasso totale, l’indice di massa corporea, la misura della circonferenza vita e il rapporto vita-fianchi erano calati di più nel gruppo dei 300 minuti. E in più, alcuni degli effetti erano più importanti per le donne obese (BMI maggiore o uguale a 30) come si è visto dai dati del cambiamento di peso, di BMI, delle circonferenze e del grasso addominale o sottocutaneo totale.

“Una probabile associazione tra attività fisica e post-menopausa con il rischio di cancro al seno è suggerita da più di 100 studi epidemiologici, e il grasso corporeo addominale e totale è fortemente implicato come un importante (anche se non l’unico) mediatore di questa associazione. I nostri risultati sulla massa grassa totale e diverse altre misure di adiposità incluso il grasso addominale, sono del tipo dose/effetto, soprattutto nelle donne obese; potrebbero fornire una base per incoraggiare le donne in post-menopausa all’esercizio fisico, almeno 300 minuti / settimana, cioè per un tempo più lungo del minimo raccomandato per la prevenzione del cancro, “concludono gli autori dello studio.

Tag:, , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*