Donne: pù resistenti a infezioni, ma meno a malattie autoimmuni

23 marzo, 2016 nessun commento


Share

cromosoma xTra le differenze legate al sesso bisogna mettere in conto anche quelle ritrovabili nelle risposte del sistema immunitario. Infatti, si è visto che le donne sembrano avere un sistema immunitario più ‘forte’ contro le infezioni, cioè resistono meglio degli uomini all’attacco di virus e batteri, ma il loro sistema immunitario così rafforzato ha maggiori probabilità di reagire contro se stesso, provocando le malattie autoimmuni. Lo dimostra uno studio della Pennsylvania University, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS).

Lo studio
Dallo studio è emerso che a rendere le donne più forti dal punto di vista immunitario sarebbe la presenza nel Dna femminile di due cromosomi X, che definiscono anche l’identità sessuale. Ma proprio questo ‘bagaglio’ in più che le donne hanno in dotazione, un doppio cromosoma X, può essere un’arma a doppio taglio: da una parte, stimolando una maggiore produzione di anticorpi, in particolare le immunoglobuline sieriche, come scrivono gli studiosi “si produce un vantaggio in termini immunitari, mentre gli uomini sono più suscettibili alle infezioni batteriche e virali”.

Dall’altra, però, aggiungono i ricercatori, “una forte risposta immunitaria specifica femminile non è sempre utile e può provocare auto-immunità”. Ecco perché alcune malattie autoimmuni, come ad esempio il lupus, una malattia in cui le difese del corpo attaccano la pelle, le articolazioni e gli organi interni, ha un 85% di probabilità in più di manifestarsi nelle donne rispetto agli uomini. Una prevalenza di donne colpite si ha anche in altre malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide o la sclerosi multipla.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*