Emicrania: donne più colpite ma si curano meno

6 Dicembre, 2019 nessun commento


Condividi:

L’emicrania è una malattia prevalentemente femminile. Le donne italiane, infatti, soffrono più degli uomini (a livello generale, per la malattia, la proporzione è di uno a tre), perdono più giorni di lavoro (16,8 l’anno contro i 13,6 dei maschi) e giornate di vita sociale (26,4 contro 20) e sono maggiormente soggette al fenomeno del presentismo, ovvero a giornate in cui si presentano al lavoro in condizioni di malessere (51,6 giorni contro 35,6).

A causa di un reddito inferiore a quello dei maschi, però, spendono meno per diagnosi e cura (1.132 euro l’anno contro 1.824) e riportano una perdita di redditività minore. E’ questo il quadro delineato dallo studio Gema (Gender&Migraine) del Centro di ricerche sulla gestione dell’assistenza sanitaria e sociale (Cergas), che ha indagato i costi diretti sanitari, non sanitari e le perdite di produttività associate all’emicrania attraverso un’indagine effettuata su un campione di 607 pazienti adulti con almeno 4 giorni di emicrania al mese.

La rilevazione è stata effettuata nel mese di giugno 2018. “Gli uomini che hanno più reddito delle donne – spiega Carla Rognoni del Cergas (Centro di Ricerche sulla Gestione dell’Assistenza Sanitaria e Sociale) Sda Bocconi School of Management all’anteprima del progetto ‘The Beating Brain. Emicrania: arte e neuroscienza contro il disagio’ – possono permettersi di spendere di più per i trattamenti o per gli esami o altre prestazioni sanitarie non coperte dall’Ssn. Le donne che hanno redditi inferiori spendono meno, anche se stanno peggio. Hanno una qualità di vita peggiore e si recano più spesso a lavoro in condizioni di malessere. Bisognerebbe fornire dei sostegni economici per ridurre questo gap. Proporre delle politiche che vadano in questa direzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*