Esami di maturità: 4 diete per 4 tipi di studenti

16 giugno, 2017 nessun commento


Share

In prossimità della prima prova scritta degli esami di maturità, che avrà luogo il 21 giugno, Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista,  lancia una serie di consigli alimentari pensati per 4 biotipi di studenti diversi. L’esperta ritiene che ad ognuna di queste tipologie di studenti possa corrispondere una dieta ideale capace di aiutarli ad affrontare meglio i momenti di stress come l’esame di maturità.

4 diete per 4 tipi
– Lo studente “cerebrale”: sì a cereali integrali e legumi decorticati, no a caffè e tè.
Iperattivo e talvolta inconcludente, tendenzialmente ansioso, con sonno disturbato, emotivo, colite da stress, mani fredde e sudate solo al pensiero di affrontare l’esame, affamato di zuccheri e sempre più magro, necessita di strategie mirate per migliorare l’efficienza mentale, ottenere una calma vigile, studiare e arrivare alla maturità in piena efficienza psico-fisica. La colazione deve essere abbondante e ricca di nutrienti, come ad esempio una ciotola di frutta fresca con 20 mandorle e una tazza di fiocchi d’avena con latte (preferibilmente vegetale), oppure pane ai cereali, uova, frutta e verdura. Evitare il caffè e il tè che sono stimolanti e sovra-eccitano ulteriormente il sistema nervoso facendo agitare ulteriormente. Fondamentali gli spuntini che devono essere frequenti a base di frutta fresca anche estratta per ridurre le fibre che possono peggiorare la colite, e mandorle, noci, nocciole. A pranzo e a cena prediligere pasti completi con cereali integrali o legumi rigorosamente decorticati per evitare l’aggravamento della colite, proteine magre (uova, pesce, carne), verdura cruda o cotta masticata accuratamente.

– Lo studente “bilioso”: cioccolato fondente, frutta fresca e secca per un pieno d’energia.
Il bilioso controlla in modo efficiente l’emotività, sopporta abbastanza bene le tensioni, vuole eccellere senza stressarsi mantenendo anche una buona forma fisica. Può beneficiare di lievi stimolanti del sistema nervoso come il tè verde da bere più volte nell’arco della giornata entro le ore 16, di una colazione sia dolce sia salata e di spuntini ogni 3-4 ore a base di cioccolata fondente, frutta fresca e secca. Pranzo e cena non dovrebbero essere mai saltati e contemplare una buona quota di verdura, cereali integrali senza eccedere e proteine magre.

– Lo studente “sanguigno”: tè verde “a gogò” per attivare il metabolismo.
Il sanguigno probabilmente è il biotipo meno agitato in previsione della maturità e cerca di fare meno fatica possibile per raggiungere un risultato accettabile. Necessita di essere invogliato a studiare e ad aumentare le attitudini intellettuali per le quali è tendenzialmente svogliato. Utili il tè verde ricco di antiossidanti da bere più volte al giorno, sino a 4, per attivare il metabolismo.

– Lo studente “linfatico”: meno zuccheri e più proteine magre per vincere la pigrizia. Il linfatico è pletorico, pigro, rallentato, con sonnolenza e per niente allarmato dagli esami e spera di superarli positivamente, con un rassegnato ottimismo in caso di fallimento. Per lui è utile soprattutto ridurre l’introito di zuccheri semplici e prediligere le proteine magre e la verdura con il fine di minimizzare la sonnolenza e la pigrizia.

Tisane e integratori per ogni biotipo
Niente junk food pieno di grassi e zuccheri per i maturandi, ma tisane e integratori alimentari che aiutano corpo e mente.

– Per il biotipo cerebrale consigliate tisane rilassanti al biancospino, melissa, passiflora che riducono le tensioni emotive ed addominali. Utile anche il magnesio citrato e le vitamine B da assumere solo al mattino per migliorare la concentrazione.

– Per il biotipo bilioso si può ricorrere alle taenina, che favorisce il sonno, aumenta il ritmo Alpha cerebrale ed il rilassamento.

– Per il biotipo sanguigno, oltre al già citato tè verde, sono utili il ginseng e le vitamine del gruppo B.

– Per il biotipo linfatico si consigliano stimolanti del sistema nervoso e del metabolismo come il tè verde, il caffè verde in tisana e il guaranà da bere più volte nella giornata.

Serena Missori è autrice del libro “La dieta dei biotipi”, in collaborazione con il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione e Consulcesi Club.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*