Fibra alimentare da banane, patate e cereali giova all’intestino e al peso

9 gennaio, 2017 nessun commento


Share

Da una revisione della British Nutrition Foundation e dello University College Dublin, in Irlanda, pubblicata sul Nutrition Bulletin che ha preso in esame gli studi che negli ultimi 10 anni hanno considerato gli effetti sulla salute dell’amido resistente, è emerso che banane, patate, cereali e legumi possono essere alleati importanti del benessere dell’intestino. Non solo: aumentano anche il senso di sazietà attraverso la produzione di acidi grassi a catena corta e aiutano il controllo dei livelli dello zucchero nel sangue (glicemia). La chiave è l’amido resistente che questi prodotti contengono, considerato un tipo di fibra alimentare perché non viene digerito nell’intestino tenue, raggiungendo il colon praticamente intatto e facendo quasi da ‘prebiotico’, sostanza che, presente nel cibo, non viene assorbita ma è utilizzata dalla flora intestinale.

Le prove sono consistenti
“Sappiamo che un’assunzione di fibre adeguata – almeno 30 grammi al giorno – è importante per una dieta equilibrata, che riduce il rischio di sviluppare una gamma di malattie croniche. L’amido resistente è un tipo di fibra alimentare che aumenta la produzione di acidi grassi a catena corta nell’intestino, e ci sono stati numerosi studi sull’uomo che ne segnalano l’ impatto in diversi ambiti della salute “, spiega Stacey Lockyer, coautrice dello studio. “Sono necessari comunque ulteriori approfondimenti – aggiunge – questa è sicuramente un’area di ricerca interessante”.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*