Focus/ Sbalzi d’umore. Combattili a tavola

12 maggio, 2017 nessun commento


Share

Con il cambio di stagione gli sbalzi d’umore sono dietro l’angolo. Il clima capriccioso contribuisce a generare cambiamenti nelle nostre abitudini quotidiane cui il nostro corpo si deve adattare. Per facilitare la transizione, possiamo aiutarci anche a tavola, con una dieta bilanciata e attenta a stimolare il benessere. “Si parla spesso di ‘food for mood’: esistono alimenti che sono funzionali per il nostro umore, che sono in grado di modulare il funzionamento dei neurotrasmettitori”, conferma Sara Farnetti, specialista in medicina interna ed esperta di nutrizione. Quello che non deve mai mancare è un’attenzione alle dosi e agli abbinamenti, per evitare di vanificare i benefici che potrebbero portarci.

Carboidrati
Senza esagerare con le dosi, un buon piatto di carboidrati, possibilmente integrali, può aiutarci a trovare il sorriso. “Sono ricchi di triptofano, precursore della serotonina, l’ormone del buonumore per eccellenza – commenta l’esperta – Questo non solo “fa bene allo spirito”, ma alimenta anche il senso di sazietà”.

Grassi buoni
Noci, avocado e olio extravergine d’oliva ne sono ricchi. Stimolano la produzione di dopamina, l’ormone della ricompensa e dell’appagamento. Anche in questo caso, però, è meglio non dimenticare il senso della misura: se consumati in eccesso, i grassi possono alterare l’equilibrio della dopamina ottenendo l’effetto opposto a quello desiderato. Quindi attenzione a tenere a bada il desiderio di cibo.

Omega3
Sempre di grassi si tratta, e questi sono particolarmente alleati del buonumore e del benessere in genere. Gli acidi grassi Omega3 e i loro precursori si trovano in elevate concentrazioni nel pesce. Diversi studi hanno infatti dimostrato che il consumo di pesce potrebbe avere un ruolo nel combattere la depressione. Non sono da dimenticare noci e semi di lino come fonti di Omega3.

Vino con equilibrio
Sì a piccole dosi di alcol a tavola, che può essere “utile perché rilassa. Un bicchiere di vino rosso a pasto appaga, è conviviale e rilassa”, spiega Farnetti. Attenzione però alle quantità: “Se assunto in eccesso, ha l’effetto opposto, deprime il sistema nervoso – ricorda l’esperta – Inoltre,
interferisce con diversi farmaci per l’umore, quindi non dovrebbe essere assunto da chi ne fa uso”.

La combinazione giusta
“È importante riuscire ad associare cibi strategici, che hanno effetti positivi sul nostro organismo e ci consentono, per esempio la sera, di dormire bene pur essendo appagati di ciò che abbiamo mangiato”, commenta Farnetti. Un buon mix per esempio è composto da “80 grammi di pasta al dente, condita con olio extravergine di oliva, un pugno di pinoli e il basilico”. Acquolina in bocca? “Un piatto di questo tipo è un’ottima combinazione di alimenti che funzionano per farci riposare meglio, aumentare la serotonina e un po’ la dopamina – spiega l’esperta – Inoltre, i semi contengono minerali rilassanti come il magnesio. È una portata saziante ma che contiene pochi zuccheri”.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*