Focus/ Smagliature. Se ne andranno mai?

13 luglio, 2017 nessun commento


Share

E’ un problema che affigge moltissime donne e affonda le sue radici nella genetica, complici gli sbalzi di peso e i cambiamenti ormonali. Sul web e non solo fioriscono rimedi fai da te che promettono di arginare il problema. La verità, però, è crudele: “Purtroppo non se ne andranno mai – sgombra il campo da ogni dubbio Marco Gasparotto, chirurgo plastico – si tratta di lacerazioni del derma dovute a un’alterazione della pelle. Tra le cause troviamo l’obesità, le gravidanze, ma anche la genetica”. Le sfortunate che ne sono colpite si mettano il cuore in pace: “La smagliatura è impossibile da mandare via”, chiarisce l’esperto. E allora? Tanto vale imparare a conviverci.

Luce pulsata, laser e carbossiterapia

Le smagliature si possono considerare delle cicatrici, lacerazioni della pelle ben visibili a occhio nudo, caratterizzate da un colore biancastro (o, all’inizio, violaceo) e dalle forme allungate. Sono diffuse soprattutto su cosce, glutei, seno e fianchi e sempre perpendicolari al senso di maggior tensione della pelle. “Tra gli interventi di chirurgia estetica la carbossiterapia dà qualche risultato, ma non fa miracoli”, aggiunge Gasparotto. La pratica consiste nell’iniettare intraderma anidride carbonica per stimolare la produzione di collagene. Il laser, poi, le fa restringere: “La luce pulsata schiarisce il rosso, ma è un miglioramento che si nota soprattutto a livello microscopico”.

Le cause tra genetica, farmaci e ormoni
Le cause, come accennato, sono molteplici. Certamente il fattore ormonale gioca un ruolo importante (motivo per cui a esserne colpite sono soprattutto le donne), ma anche l’uso prolungato di alcune classi di farmaci (come i corticosteroidi) non aiuta. Repentini cambiamenti del corpo (una gravidanza, ma anche variazioni di peso molto pronunciate) sono un fattore di rischio, così come una dieta povera di vitamine.

Colpiscono anche gli uomini
Chi pensa che siano un problema tipicamente femminile sbaglia: sicuramente le smagliature sono più diffuse tra il gentil sesso, ma nemmeno i maschi ne sono al riparo. “Può colpire anche gli uomini in sovrappeso, oppure quelli che hanno squilibri ormonali”, spiega il chirurgo. Quando una persona è stressata, per esempio, aumenta il cortisolo, un ormone che inibisce la produzione di collagene e relastina, fattori che conferiscono elasticità alla pelle, favorendo così la formazione delle smagliature.

E quindi?
“Come tutte le cose non vanno trasformate in un’ossessione ma accettate”, afferma il chirurgo. Con qualche piccolo accorgimento: bere molta acqua è sempre una buona abitudine, così come ricordarsi che l’esposizione al sole non danneggia ulteriormente la pelle (se ci proteggiamo adeguatamente!) ma può rendere le smagliature più visibili.

 

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*