Gli italiani si “muovono” di più al mattino, ma il 7% salta la colazione

14 gennaio, 2016 nessun commento


Share

shutterstock_114707524

Dopo le innumerevoli raccomandazioni ricevute, gli italiani al mattino appaiono finalmente più attivi. In casa, all’aperto o in palestra e in piscina, 1 italiano su 3 (35%) fa sport almeno una volta a settimana e 2 su 10, cioè 11 milioni di persone, praticano esercizio fisico quasi tutti i giorni e questa è senz’altro una buona notizia. Per quanto riguarda, però, l’abitudine di fare la prima colazione, se 9 italiani su 10 la fanno, di cui il 63% preferisce farla prima di svolgere l’attività sportiva, resta comunque un 7% che la salta e non la fa né prima né dopo lo sport.

E’ quanto emerge dai risultati della ricerca “Italiani e sport al mattino. Che ruolo per la colazione?”, realizzata dall’Osservatorio Doxa-Aidepi “Io comincio bene” che ha fotografato il ruolo del primo fondamentale pasto della giornata all’interno della pratica sportiva degli italiani al mattino.

Dall’indagine emerge inoltre che tra i 18 milioni di italiani che fanno attività fisica al mattino, il 7% non fa colazione né prima né dopo lo sport. Mentre, tra quelli che la fanno, 1 italiano su 2 (54%) sceglie di farla sempre prima dello sport a cui si aggiunge un 9% che fa la vera colazione prima e poi mangia qualcosa anche dopo aver fatto attività fisica. Da rilevare infine come 3 italiani su 10 (30%) scelgono di fare colazione dopo lo sport, per avere più tempo a disposizione per rigenerarsi. “In generale non si dovrebbe mai iniziare un’attività fisica con alle spalle un digiuno superiore alle 3-4 ore”, afferma il medico dello sport Michelangelo Giampietro. “Saltando la colazione si corre il rischio di farsi potenzialmente male in allenamento. Siamo a digiuno da molte ore, cala la glicemia e il glicogeno muscolare non è ricaricato a sufficienza, quindi se non si sostiene l’attività fisica con la colazione i muscoli possono rimanerne danneggiati. Anche per chi al mattino ha lo stomaco chiuso il suggerimento è quello di mangiare comunque qualcosa, anche dei biscotti o un dolce da forno a ridosso dell’allenamento, purché non si resti a digiuno!”.

Infine, una curiosità: quando devono praticare un’attività fisica al mattino magari una corsa, una camminata veloce, una nuotata o una sessione di ginnastica, gli italiani rimangono fedeli alla colazione di sempre. L’86% non cambia, dunque, la scelta degli alimenti da portare in tavola e neanche aumenta o diminuisce le porzioni. Biscotti, fette biscottate (con marmellata o crema spalmabile al cacao), cereali, croissant, frutta, accompagnati da caffè, latte o cappuccino rappresentano dunque la colazione dell’italiano che fa movimento al mattino.

 

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*