‘Grana Padano’ alleato dell’ipertensione in dieta equilibrata

17 maggio, 2016 nessun commento


Share

parmigiano granaChi ama mettere sulla pasta una spolverata di ‘Grana Padano’, sappia che, nei limiti della moderazione, questa abitudine, oltre ad insaporire gradevolmente il cibo, potrebbe essere anche un ‘gesto’ salutare. Infatti, se consumato nell’ambito di una dieta equilibrata nella quale naturalmente non si eccede col sale, questo formaggio può diventare un alleato prezioso contro la pressione alta, aiutando ad abbassarla. Ne basta una piccola quantità giornaliera, pari a 28 grammi circa, per vedere i benefici, che sono simili a quelli riscontrati con i farmaci antipertensivi. Lo dimostra uno studio italiano, condotto dai ricercatori dell’Ospedale Guglielmo da Saliceto di Piacenza in collaborazione con l’Università Cattolica, i cui risultati sono stati presentati al meeting annuale dell’American Society of Hypertension.

Lo studio
Lo studio, randomizzato e condotto in doppio cieco, è stato svolto su 30 adulti con ipertensione, che per due mesi hanno consumato circa 28 grammi di grana padano al giorno, oppure la stessa quantità di un altro formaggio. Ebbene, si è così dimostrato un calo della pressione arteriosa, pari a 7-8 millimetri di mercurio per la pressione massima e a 5-7 per la minima. Non sono stati invece osservati cambiamenti nei livelli dei lipidi e di zuccheri zuccheri nel sangue e neppure nel valore dell’Indice di massa corporea (Imc). “Gli effetti sono simili a ciò che ci si aspetta dall’impiego di farmaci antipertensivi – spiega Giuseppe Crippa, autore dello studio – l’aggiunta di un po’ di Grana Padano a una dieta sana può fornire benefici clinicamente rilevanti di abbassamento della pressione arteriosa“. Secondo gli studiosi il meccanismo positivo sarebbe dovuto a due peptidi presenti nel Grana Padano che darebbero lo stesso effetto di ‘rilassamento’ dei vasi sanguigni provocato da popolari farmaci (ace-inibitori) utilizzati per curare l’ipertensione.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*