Gravidanza: se vissuta con stress può far invecchiare i figli precocemente

Condividi:

Lo stress vissuto durante la gravidanza può influenzare l’orologio biologico dei figli, provocando invecchiamento precoce e malattie legate all’età. E’ la conclusione di uno studio su neonati condotto presso l’Università di Heidelberg, in Germania, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Neuropsychopharmacology.

Lo studio
I ricercatori si sono concentrati sulle sequenze di DNA chiamate telomeri, essenziali per la replicazione cellulare perché aiutano a mantenere l’integrità dei cromosomi. I telomeri si accorciano ad ogni divisione cellulare e alla fine raggiungono una lunghezza critica, portando così alla morte cellulare, o senescenza. Poiché i telomeri si accorciano con l’età, i ricercatori utilizzano la loro lunghezza come indicatore di invecchiamento, mentre la loro lunghezza alla nascita è segno di predisposizione a malattie legate all’invecchiamento e potrebbe derivare da fattori ambientali come radiazioni ultraviolette, ma anche dallo stress che le madri vivono durante la gravidanza.

Per verificare questa ipotesi, i ricercatori hanno esaminato la lunghezza dei telomeri in 319 neonati, nati in Germania e realizzato interviste alle madri sulle loro abitudini di vita, lo stress di cui hanno sofferto, eventuali disturbi psicologici. Sono inoltre stati raccolti campioni di saliva delle madri e sangue del cordone ombelicale dei piccoli, per effettuare analisi genetiche. I figli di donne che avevano avuto più stress psicologico e sociale in gravidanza avevano telomeri più corti mentre questa caratteristica non si presentava in figli di donne che avevano sofferto di disturbi psicologici in generale nella loro vita.

Articoli correlati

Lascia un commento

*