Il gusto dipende da altri sensi

2 novembre, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_254941876Il sapore che sentiamo mangiando o bevendo un alimento sarebbe influenzato dal packaging, dal colore dell’alimento e persino dal suono che il contenitore produce; il senso del gusto, infatti, risulta “vincolato” agli altri sensi.

Questo è quanto si rileva dalle ricerche di Charles Spence, psicologo dell’università di Oxford, che passa in rassegna le ultime scoperte in un articolo sul New Yorker.

Gli esperimenti del ricercatore inglese hanno mostrato, ad esempio, che una mousse ha un sapore più dolce del 10% se viene mangiata in un contenitore bianco, piuttosto che in uno nero, e che il gusto del caffè è giudicato più intenso se viene bevuto in una tazza bianca invece che in una trasparente.

Solo quest’anno fra gli articoli pubblicati da Spence ce n’è uno che dimostra che i biscotti sembrano più croccanti se hanno la superficie liscia e che i consumatori al supermercato hanno il doppio di probabilità di preferire succhi di frutta che hanno l’etichetta concava che ricorda un sorriso, piuttosto che una convessa che sembra un volto aggrottato.

Oltre alle applicazioni commerciali, come uno studio in corso su come varia la percezione del gusto di una bevanda a seconda del diverso rumore che fa la lattina che la contiene aprendosi, ci sono anche risvolti più “seri”, come cercare di far recuperare il gusto per il cibo a chi lo ha perso parzialmente, come gli anziani. “Questi effetti esistono – afferma Spence – l’unica questione è come usarli”.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*