Il nuoto migliora il vocabolario dei bambini

Condividi:

Nuotare qualche vasca probabilmente non trasformerà tuo figlio nel prossimo Michael Phelps, ma potrebbe solo aiutarlo a diventare il prossimo J.K. Rowling o Stephen King. Un recente studio condotto da ricercatori dell’Università del Delaware e pubblicato sul Journal of Speech, Language, and Hearing Research  suggerisce infatti che l’esercizio fisico, in particolare  il nuoto molto praticato in estate, può aumentare la crescita del vocabolario dei bambini.

A 48 bambini e ragazzi dai 6 ai 12 anni sono state insegnate nuove parole prima di fare una di tre opzioni: nuotare, prendere parte a esercizi di CrossFit o completare un foglio da colorare. È emerso che coloro che hanno nuotato erano il 13% più accurati nei test di controllo successivo delle parole del vocabolario. I risultati dello studio hanno senso per la ricercatrice capo, Maddy Pruitt. “Il movimento  aiuta a codificare nuove parole”, evidenzia Pruitt, spiegando che l’esercizio è noto aumentare i livelli di fattore neurotrofico derivato dal cervello, importante per il sistema nervoso.

Perché allora il nuoto ha fatto la differenza mentre CrossFit no? Pruitt lo attribuisce alla quantità di energia che ogni esercizio richiede al cervello. Il nuoto è un’attività che i bambini possono completare senza troppe istruzioni. E’ più automatico, mentre gli esercizi CrossFit sono nuovi per loro.

Articoli correlati

Lascia un commento

*