La dieta mediterranea potrebbe contribuire a contrastare la progressione del tumore alla prostata

Condividi:

La dieta mediterranea potrebbe migliorare le condizioni di salute delle persone affette da cancro alla prostata, secondo uno studio condotto dai ricercatori del MD Anderson Cancer Center dell’Università del Texas e pubblicato dalla rivista Cancer.

Hanno partecipato allo studio 410 persone con tumore alla prostata a cui è stato proposto un questionario sull’alimentazione composto da 170 voci.

Tutti i partecipanti allo studio sono stati sottoposti a biopsia di conferma all’inizio dello studio e sono stati valutati ogni sei mesi attraverso esami clinici e studi di laboratorio sull’antigene sierico PSA e sul testosterone. L’età media dei pazienti era di 64 anni, il 15% degli uomini era diabetico e il 44% usava statine. Dopo un follow-up mediano di 36 mesi, in 76 pazienti si è verificata una progressione del tumore.

Dopo aver corretto per fattori come l’età, l’antigene prostatico specifico (PSA) e il volume del tumore, i ricercatori hanno osservato che i pazienti con una dieta che conteneva più frutta, verdura, legumi, cereali e pesce avevano un rischio ridotto di una crescita o un progressione del cancro. I ricercatori hanno anche esaminato l’effetto del diabete e dell’uso di statine e hanno riscontrato una riduzione del rischio simile in questi gruppi di pazienti.

“La dieta mediterranea è stata spesso collegata a un minor rischio di cancro, malattie cardiovascolari e mortalità. Questo studio sugli uomini con carcinoma prostatico in stadio iniziale ci fa fare un ulteriore passo avanti nel fornire raccomandazioni dietetiche basate sull’evidenza per ottimizzare i risultati nei pazienti oncologici, che insieme le loro famiglie, hanno molte domande in questo settore “, commenta Carrie Daniel-MacDougall, professore associato di epidemiologia e autore senior dello studio.

Poiché nella maggior parte dei casi il tumore alla prostata è una malattia a basso rischio, localizzata e con esiti favorevoli, molti uomini non hanno bisogno di cure immediate e optano per la sorveglianza attiva da parte del proprio medico.

“I nostri risultati suggeriscono che seguire costantemente una dieta ricca di cibi vegetali, pesce e un sano equilibrio di grassi monoinsaturi può essere utile per gli uomini con diagnosi di cancro alla prostata in stadio iniziale”, conclude Justin R. Gregg, primo autore della ricerca. “Siamo fiduciosi che questi risultati, associati a ulteriori ricerche e convalide future, incoraggeranno i pazienti ad adattare uno stile di vita sano”.

Bibliografia:Gregg, JR, Zhang, X, Chapin, BF, Ward, JF, Kim, J, Davis, JW, Daniel, CR. Adherence to the Mediterranean diet and grade group progression in localized prostate cancer: An active surveillance cohort. Cancer. 2021. https://doi.org/10.1002/cncr.33182

Articoli correlati

Lascia un commento

*