L’anoressia nervosa intacca anche il microbiota

9 ottobre, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_132902285Mentre studiavano l’asse “intestino-cervello”, alcuni ricercatori della UNC School of Medicine (University of North Carolina Health Care) hanno evidenziato un’associazione tra il microbiota intestinale e i disturbi alimentari come l’anoressia nervosa.

I ricercatori hanno scoperto, in pratica, che nelle persone con anoressia nervosa vi sono specie molto diverse, tra i batteri residenti della microflora intestinale (microbiota), rispetto agli individui sani e che questo disordine del microbiota è associato con alcuni dei sintomi psicologici legati al disturbo alimentare.

I risultati dello studio, pubblicati sulla rivista Psychosomatic Medicine, forniscono ulteriori prove che l’abbondanza e le differenze nelle specie ritrovabili nella flora intestinale, migliaia di miliardi di batteri che influenzano la salute dell’apparato digerente e l’immunità, potrebbero interessare anche il cosiddetto “asse intestino-cervello”. In parole semplici, questa ricerca suggerisce che i batteri intestinali potrebbero svolgere un ruolo di primo piano nei sintomi debilitanti dell’anoressia nervosa, un grave disturbo alimentare che colpisce più di 3 milioni di americani e ha un tasso di mortalità più elevato di qualsiasi altro disturbo mentale.

“Altri studi hanno hanno collegato i batteri intestinali alla regolazione del peso e del comportamento alimentare”, ha detto Ian Carroll, leader dello studio (presso il UNC Center for Gastrointestinal Biology and Disease). “Dal momento che le persone con anoressia nervosa mostrano un estremo sbilanciamento nella regolazione del peso (verso la magrezza patologica), abbiamo deciso di approfondire questa associazione.”

“Non siamo in grado di dire se uno squilibrio della flora intestinale provoca i sintomi dell’anoressia nervosa, compresi i sintomi associati, come l’ansia e la depressione – ha precisato Carroll. “Ma la grave limitazione dell’apporto nutrizionale, che caratterizza l’anoressia nervosa, potrebbe cambiare la composizione della “comunità  batterica intestinale”. E questi cambiamenti potrebbero contribuire all’ansia, alla depressione, e all’ulteriore perdita di peso. “E’ un circolo vizioso – ha continuato – “e vogliamo vedere se siamo in grado di aiutare questi pazienti a evitare o invertire tale fenomeno. Vogliamo sapere, in altri termini, se alterando la loro flora intestinale si può aiutarli a mantenere il peso, e stabilizzare l’umore nel corso del tempo. ”

Per questo studio, il team di Carroll ha raccolto i campioni di feci da 16 donne con anoressia nervosa, al momento dell’accettazione nel Centro di Eccellenza per la cura dei disturbi alimentari presso la UNC, e poi di nuovo dopo che il loro peso era stato ristabilito, alla dimissione. Susan Kleiman, primo autore dello studio, ha caratterizzato la composizione e le diversità della flora intestinale in ogni campione e ha trovato significativi cambiamenti nelle popolazioni di batteri intestinali, tra quelli presenti all’ammissione e quelli alla dimissione.

In particolare, i campioni prelevati al momento del ricovero avevano un numero limitato di specie diverse di batteri, rendendo le comunità intestinale molto meno diversificata (la diversità microbica è un segno di una migliore salute generale). Al momento della dimissione dall’ospedale, la diversità microbica era aumentata, ma era ancora inferiore rispetto a quella di 12 soggetti sani usati nello studio come controlli. Inoltre, il miglioramento delle pazienti durante il ricovero e la rialimentazione con la ripresa del peso corrispondevano anche a un miglioramento dei loro stati d’animo.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*