Lo sviluppo del linguaggio comincia nel grembo materno

21 luglio, 2017 nessun commento


Share

Una ricerca dell’Università del Kansas, pubblicata su NeuroReport suggerisce che lo sviluppo del linguaggio avviene già nel grembo materno. Un mese prima della nascita, infatti, i feti sono in grado di ‘riconoscere’ un linguaggio che non è loro familiare.

Partendo da alcuni studi precedenti che avevano evidenziato questa ipotesi, i ricercatori hanno deciso di verificarla utilizzando una metodica diversa, un biomagnetometro, che si adatta all’addome materno e permette di rilevare battiti cardiaci, respirazione e altri movimenti.

L’esperimento è stato condotto su 24 future mamme, tutte intorno agli otto mesi di gestazione, per analizzare le reazioni dei feti rispetto a due registrazioni, una in inglese e una in giapponese, due linguaggi differenti anche per il ritmo. Dai risultati è emerso che le frequenze cardiache fetali cambiavano quando i piccoli sentivano un linguaggio a loro sconosciuto e diverso ritmicamente, il giapponese, dopo aver ascoltato un passaggio della registrazione in inglese; mentre ciò non avveniva quando il secondo spezzone a cui erano sottoposti era sempre in inglese.

“Questi risultati suggeriscono che lo sviluppo del linguaggio possa iniziare nell’utero. I feti sintonizzano le orecchie sulla lingua che andranno ad acquisire prima ancora della nascita”, spiega Utako Minai, team leader dello studio. “La sensibilità prenatale alle proprietà ritmiche del linguaggio – conclude – può fornire uno dei primi blocchi di costruzione nell’acquisizione del linguaggio stesso”.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*