L’obesità e il diabete intaccano l’osso

20 novembre, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_185810876L’obesità e il diabete di tipo 2 danneggiano la salute delle ossa, contribuendo a un maggior rischio di fratture, come è stato dimostrato da un nuovo studio americano condotto sui topi e pubblicato sulla rivista Metabolism. L’esercizio fisico, invece, aiuta a prevenire, sia l’aumento di peso che il diabete, preservando anche la resistenza delle ossa.

I ricercatori dell’Università del Missouri hanno cercato di dimostrare come lo sviluppo dell’obesità e l’insulino-resistenza, possano contribuire al rischio di fratture delle ossa e se l’esercizio possa proteggere la salute delle ossa prevenendo l’aumento di peso e il diabete. Hanno così evidenziato che l’obesità e il diabete di tipo 2 influenzano negativamente la salute dell’osso, ma l’esercizio fisico può impedire l’aumento di peso e il diabete, favorendo una maggiore resistenza ossea.

“I ricercatori una volta pensavano che l’obesità fosse una condizione protettiva per l’osso, perché gli individui con più massa corporea, hanno anche un aumento della massa ossea, e questo dovrebbe diminuire il rischio di osteoporosi e fratture associate”, ha detto Pam Hinton del MU Department of Nutrition and Exercise Physiology. “Quello che siamo arrivati ​​a capire poi è che l’osso dei soggetti con obesità e diabete di tipo 2 non è di buona qualità. Questi individui hanno un aumentato rischio di fratture, cosicché il peso corporeo in più non è protettivo”.

Hinton e i suoi colleghi hanno esaminato come lo sviluppo dell’obesità e di diabete di tipo 2 influenzano la struttura ossea, la formazione e la resistenza nel tempo. In particolare, i ricercatori hanno studiato le ossa di topi che avevano una predisposizione a mangiare troppo, che ha causato aumento di peso e la resistenza all’insulina. Hilton ha spiegato che questo modello di aumento di peso parallelo alla resistenza all’insulina dimostrato nei topi è come quello che avviene anche negli esseri umani.

I ricercatori hanno permesso alla metà dei topi di mangiare a volontà e di esercitarsi volontariamente a correre su una piccola ruota; l’altra metà dei topi sono stati invece programmati a mangiare troppo e sono rimasti sedentari. I ricercatori avevano disposto anche un gruppo di controllo di topi che non mangiavano troppo cibo e che rimanevano sedentari. Hanno, così, studiato le ossa di ratti nei tre gruppi di diverse età per determinare come l’osso poteva essere influenzato negativamente nelle prime fasi dello sviluppo dell’obesità e diabete .

“Nel tempo i topi continuavano a crescere, tutti i tre gruppi hanno aumentato la loro massa ossea, ma i topi che erano obesi e sedentari non hanno accumulato più massa ossea, rispetto al loro peso corporeo”, ha detto Hinton. “Così, in tutti i ratti obesi, diabetici, e sedentari si verificava una diminuita formazione ossea, una perdita di massa ossea e una ridotta resistenza ossea. Tuttavia, i ratti che hanno praticato esercizio fisico, non hanno perso la resistenza dell’osso. Infatti, i ratti che correvano sulle ruote avevano ossa più forti rispetto ai controlli di peso normale”.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*