Menopausa, estrogeni e sesso: cerotti più efficaci di pastiglie e compresse

29 agosto, 2017 nessun commento


Share

(Reuters Health) – Gli estrogeni somministrati in forma di cerotto transdermico, migliorano modestamente le funzioni sessuali nelle donne nei primi anni della menopausa, almeno secondo uno studio pubblicato su JAMA.

La premessa
La secchezza vaginale e la dispareunia associate al calo degli estrogeni contribuiscono a un basso desiderio sessuale, che colpisce circa un quarto delle donne in menopausa fisiologica. Una serie di problemi che potrebbero essere trattati efficacemente con gli estrogeni. “In generale, gli estrogeni possono dare un vantaggio significativo nelle donne nei primi anni dopo la menopausa, e sono a basso rischio – afferma Hugh S. Taylor della Yale School of Medicine, New Haven, Connecticut – Alleviano le vampate e i disturbi del sonno, preservando la densità ossea. Con questo studio abbiamo dimostrato che gli estrogeni possono essere utili anche per la funzione sessuale”.

Lo studio
Taylor e i colleghi hanno esaminato i cambiamenti nelle funzioni sessuali nel corso della menopausa recente di 670 donne, già partecipanti allo studio KEEPS: per 4 anni alcune delle partecipanti hanno assunto estrogeni per via orale, altre hanno utilizzato i cerotti all’estradiolo e infine a un gruppo è stato somministrato del placebo. Il punteggio complessivo ottenuto da questionari che misurano la funzione sessuale femminile (FSFI) è aumentato di 2,6 punti nel gruppo che assumeva estradiolo transdermico rispetto al gruppo placebo, con un miglioramento del 7,2% di 36 punti sulla gamma FSFI. In particolare il gruppo estradiolo transdermico presentava miglioramenti significativi nei domini FSFI riguardanti desiderio, eccitazione, orgasmo e soddisfazione, a 18 mesi – e significativi miglioramenti per la lubrificazione e del dolore a 18, 36 e 48 mesi. Va aggiunto che ad eccezione del follow-up di 36 mesi, il trattamento estrogenico orale non ha migliorato significativamente i punteggi FSFI complessivi rispetto a quelli sperimentati dai destinatari del placebo. Inoltre il team ha rilevato che al basale la prevalenza di una bassa funzione sessuale (LSF), definita come un punteggio complessivo di FSFI <26,55, è stata del 74% nel gruppo trattato con estrogeno orale, nel 71% nel gruppo estradiolo transdermico e nel 74% nel gruppo placebo. E la prevalenza di LSF è migliorata con il trattamento solo nel gruppo estradiolo transdermico (al 67%, rispetto al 76% con placebo). I punteggi FSFI sono migliorati in misura maggiore tra le donne con LSF al basale rispetto a quelle con punteggi più elevati di base FSFI. “L’uso topico dell’estrogeno ha prodotto miglioramenti più significativi della funzione sessuale rispetto agli estrogeni orali – afferma Taylor – Tuttavia, per altri aspetti, gli estrogeni orali hanno mostrato vantaggi rispetto alle formulazioni transdermiche. La formulazione estrogenica utilizzata può essere personalizzata in base al sintomo predominante di un individuo. Mentre gli estrogeni topici possono essere migliori per la funzione sessuale, gli estrogeni orali possono essere migliori per migliorare l’umore”, ha precisato in conclusione.

By Will Boggs MD

JAMA Intern Med 2017

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*