Neonati: nuovo metodo non invasivo per velocizzare la raccolta delle urine

19 aprile, 2017 un commento


Share

(Reuters Health) – Si chiama Quick-Wee ed è un metodo di stimolazione che può essere utilizzato in qualsiasi contesto, sia negli ospedali che negli ambulatori: attraverso una garza imbevuta di liquido freddo si avrebbe una stimolazione sovrapubica che porterebbe il neonato a fare la pipì prima, per facilitare la raccolta delle urine. La tecnica messa a punto da un gruppo di ricercatori australiani è stata presentata sul British Medical Journal.

Lo studio
Per valutare l’efficacia del metodo, i ricercatori hanno condotto uno studio su 344 bambini di età compresa tra 1 e 12 mesi di età che si erano rivolti al pronto soccorso pediatrico e che si erano sottoposti alla raccolta delle urine. Con l’utilizzo del metodo Quick-Wee, il tasso di svuotamento sarebbe stato significativamente più elevato, il 31%, rispetto al metodo normale di raccolta delle urine, pari al 12%. L’utilizzo del metodo Quick-Wee, inoltre, avrebbe portato a un tasso significativamente più alto di campioni di urina raccolti con un metodo non invasivo, 30% contro il 9%.

I commenti
“Si tratta di un metodo semplice che può essere utilizzato ovunque: dai grandi ospedali agli studi medici, ai contesti con risorse limitate, come aree rurali, in cui le apparecchiature o i servizi medici pediatrici non sono facilmente accessibili”, ha dichiarato il coordinatore dello studio, Jonathan Kaufman del Murdoch Children’s Research Institute e dell’Università di Melbourne, a Parkville, in Australia. “Quick-Wee funziona innescando un riflesso il cui controllo volontario si sviluppa dai tre anni. Dunque è più adatto ai bambini più piccoli”, ha sottolineato il ricercatore australiano.

Fonte: Reuters Health
Autore: Will Boggs

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Nutri&Previeni)

Tag:, ,

One comment on “Neonati: nuovo metodo non invasivo per velocizzare la raccolta delle urine
  1. Angela Fiore ha detto:

    Che scoperta!!! Lo abbiamo sempre fatto da decenni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*