Obesità da trattare: perdere peso preservando l’osso

11 giugno, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_187633952L’impiego dell’ormone intestinale GLP-1 nel trattamento dell’obesità potrebbe prevenire la perdita di massa ossea che è, invece, frequentemente associata alle importanti perdite di peso.

È questa la sostanziale conclusione di un nuovo studio condotto presso l’Hvidovre e Glostrup Hospital dell’Università di Copenaghen e pubblicato sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism . Come è noto una rapida perdita di peso comporta una perdita di massa ossea con il conseguente aumento del rischio di fratture ossee. Ebbene, questa nuova ricerca dimostra che il trattamento dell’obesità con l’ormone GLP-1 previene la perdita di massa ossea oltre ad avere una serie di effetti positivi sulla formazione di nuovo osso e sui livelli di zucchero nel sangue.

“Gli analoghi del GLP-1 (liraglutide) sono oggi ampiamente utilizzati nel trattamento del diabete di tipo 2 e hanno dimostrato di non aumentare il rischio di fratture ossee, a differenza di altri farmaci per il diabete. Liraglutide è stato approvato di recente per il trattamento dell’obesità a causa della sua propensione nel contrastare l’iperglicemia, ma il suo effetto sulle ossa dei pazienti in sovrappeso che non sono affetti da diabete di tipo 2 era finora sconosciuto ” – precisa la ricercatrice  Eva Winning Jepsen (Department of Biomedical Sciences and the Novo Nordisk Foundation Center for Basic Metabolic Research – University of Copenhagen).

Lo studio ha esaminato 37 donne che hanno raggiunto una grossa perdita di peso di 12 kg con una dieta ipocalorica. Le donne sono state divise in due gruppi: uno di questi ha ricevuto liraglutide, e l’altro era il gruppo di controllo. Nel corso di un anno, le donne hanno ricevuto frequenti consigli dietetici per mantenere la loro perdita di peso; e nel caso di guadagno di peso, potevano sostituire fino a due pasti al giorno con un preparato in polvere a basso contenuto calorico. Dopo un anno, entrambi i gruppi avevano mantenuto la loro perdita di peso. In particolare, le donne del gruppo di controllo avevano mantenuto il loro peso sostituendo un pasto al giorno con una dieta a basso contenuto calorico. Lo studio ha mostrato, inoltre, che il gruppo che assumeva liraglutide non aveva perso massa ossea e mostrava un aumento dei marcatori di formazione ossea rispetto al gruppo di controllo che aveva perso la massa ossea. Questi risultati, dunque, offrono nuove prospettive per il trattamento dell’obesità e del diabete 2.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*