Olio di palma e sostenibilità: il rapporto della Fondazione CMCC

Condividi:

In che modo la produzione di olio di palma incide sugli aspetti socio-economici legati al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile? A indagare sulla relazione tra olio di palma e sostenibilità è stata una analisi condotta dalla Fondazione CMCC – Centro Euro Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici. L’analisi è stata presentata lo scorso giovedì 24 giugno dagli esperti della Divisione IAFES (Impacts on Agriculture, Forests and Ecosystem Services), Monia Santini, Matteo Bellotta e Maria Vincenza Chiriacò. Obiettivo dell’indagine “Gli aspetti socio-economici connessi alla produzione di olio di palma e il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile” era quello di contribuire ad un dibattito più informato e delineare il possibile contributo della produzione di olio di palma al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs) delle Nazioni Unite.

Il dibattito a livello pubblico e scientifico è spesso concentrato sugli effetti della produzione di olio di palma sull’ambiente e sui servizi eco-sistemici, ma poco si discute circa le ricadute socio-economiche connesse alla produzione di olio di palma. Per questo motivo il CMCC ha svolto un’analisi approfondita della letteratura esistente che affronta i vari aspetti socio-economici legati allo sviluppo della filiera dell’olio di palma. I contenuti e le informazioni rilevanti di ciascuna delle 82 pubblicazioni scientifiche pubblicate tra il 2010 ed il 2020 selezionate per la review sono stati messi in relazione con 8 SDGs scelti in funzione della loro stretta correlazione con lo sviluppo socio-economico: SDG 1: Sconfiggere la povertà, SDG 2: Sconfiggere la fame, SDG 3: Salute e benessere, SDG 4: Istruzione di qualità, SDG 5: Parità di genere, SDG 6: Acqua pulita e igiene, SDG 8: Lavoro dignitoso e crescita economica, SDG 10: Ridurre le disuguaglianze e con i principi e criteri che regolano la  certificazione di sostenibilità.

In generale, la maggior parte degli studi analizzati concorda sul fatto che l’olio di palma svolga un ruolo cruciale nel supportare l’economia e il sostentamento delle comunità locali nei paesi produttori in via di sviluppo. L’adozione di schemi di produzione di olio di palma sostenibile, oltre a non danneggiare l’ambiente, offre l’opportunità di migliorare molti indicatori dell’impatto socio-economico, legati all’espansione della produzione di palma da olio. Lo standard di certificazione più completo ed efficace, seppur perfettibile, secondo gli studi presi in esame, è risultato essere quello di RSPO.

“Dal lavoro emerge con chiarezza come la maggior parte degli studi analizzati evidenzino una presenza consistente di impatti dichiaratamente positivi – afferma Matteo Bellotta, ricercatore della Fondazione CMCC e coautore dello studio – L’incidenza degli impatti positivi sugli indicatori socio-economici cresce via via che si passa ad esaminare pubblicazioni più recenti che fanno riferimento a produzioni sostenibili”.

Commentando i principali risultati dello studio, la Dott.ssa Maria Vincenza Chiriacò, anch’essa coautrice del lavoro, aggiunge inoltre che “la produzione di olio di palma e in particolar modo quello prodotto secondo schemi di sostenibilità, supporta l’economia e il sostentamento delle comunità locali in molti paesi produttori in via di sviluppo, fornisce un contributo alla diminuzione dei tassi di povertà e migliora l’accesso fisico, sociale ed economico al cibo”.

L’analisi ha comunque evidenziato come risulti difficile trarre conclusioni definitive e punti di vista uniformi dall’analisi della letteratura esistente, che va interpretata in funzione delle situazioni sito-specifiche indagate. La moltitudine di documenti analizzati infatti restituisce prospettive differenti, a volte anche opposte, mettendo in luce sfumature e sfaccettature variegate per gli 8 SDG di riferimento, alcuni dei quali sono inevitabilmente interconnessi tra loro.

Oltre agli indubbi e diffusi impatti positivi lo studio ha messo in evidenza anche alcune criticità, riconducibili essenzialmente alla parità di genere, alla garanzia di condizioni di lavoro dignitose e alla riduzione delle disuguaglianze, che non a caso sono oggetto di particolari attenzioni da parte degli stakeholder e che hanno indotto anche RSPO ad introdurre ulteriori criteri e protocolli specifici, soprattutto in occasione dell’ultima revisione dei Principi & Criteri 2018, i cui impatti non sono ancora del tutto misurabili dalla letteratura scientifica esistente. A seguito di questi risultati, CMCC effettuerà ulteriori approfondimenti volti a valutare anche le eventuali differenze tra olio di palma convenzionale e olio di palma certificato sostenibile in termini di impatto ambientale.

Secondo il presidente dell’Unione Italiana per l’Olio di Palma Sostenibile, Giuseppe Allocca, “Le conclusioni della review condotta dal CMCC confermano quindi come il boicottaggio dell’olio di palma, il più utilizzato a livello globale tra gli oli vegetali di cui rappresenta oltre il 35% della produzione, non sia affatto la soluzione. Al contrario, avrebbe effetti deleteri anche dal punto di vista socio-economico, oltre che ambientale, allontanandoci dagli obiettivi dell’Agenda 2030. La strategia da perseguire è invece quella di sostenere la transizione della filiera dell’olio di palma verso la produzione e l’impiego esclusivo di olio di palma sostenibile e l’adozione di standard di certificazione sempre più stringenti a tutela del Pianeta, delle Persone, creando una sempre maggiore consapevolezza circa la differenza tra olio di palma certificato sostenibile e olio di palma convenzionale”.

Articoli correlati

Lascia un commento

*