Osteoporosi: oltre 60 mila fratture evitate negli over 65 con latte e derivati

5 aprile, 2017 nessun commento


Share

Oltre 60 mila fratture all’anno evitate con la giusta quantità di latte e derivati. A dare ulteriore supporto scientifico all’ormai noto mantra: “bere latte fa bene alle ossa” è una ricerca francese pubblicata su “Osteoporosis International”. I numeri sono d’Oltralpe, ma parlano una lingua chiara anche oltre il confine: se gli over 60 (16 mln in Francia) consumassero le dosi di latticini raccomandate dalle linee guida nazionali in un anno eviterebbero 65mila fratture causate dall’osteoporosi. E se consumassero almeno due prodotti lattiero-caseari ad alto apporto di vitamina D guadagnerebbero, complessivamente, 32.500 anni di buona salute. Il consumo di prodotti lattiero-caseari porterebbe agli anziani altri significativi benefici: oltre a stare meglio e a vivere una vecchiaia piu’ serena, a fronte di un aumento della spesa di 0,54 euro al giorno per comprare prodotti lattiero-caseari piu’ ricchi in vitamina D, gli over 60enni permetterebbero allo Stato francese di risparmiare 1,2 miliardi di euro sui costi di cure e ospedalizzazione legati alla cura dell’osteoporosi.

Lo studio
Lo studio – realizzato da un team di studiosi delle università’ di Maastricht, Liegi, Amiens e Riad e presentato a Firenze nei giorni scorsi durante il Congresso Mondiale dell’Osteroporosi – ha adottato un modello concepito sulla base degli intake di calcio e di vitamina D raccomandati per gli over 60 e ottenuti tramite il consumo di prodotti lattiero-caseari. Ha quindi calcolato il numero di
anni di vita guadagnato in un anno dai 16 milioni di francesi over 65enni e ha correlato questo dato con la spesa richiesta a questi cittadini e con il risparmio per i conti pubblici determinato dal numero di fratture da osteoporosi evitate e dagli anni di salute guadagnati dal target.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*