Pediatria: in aumento bimbi malnutriti per diete fai da te

11 luglio, 2016 nessun commento


Share

dietaGravi conseguenze di errori nell’alimentazione dei bambini sono in aumento negli ospedali italiani. Dalle mamme che danno loro solo cibi cotti, provocando lo scorbuto, a quelle che escludono il latte per presunte allergie mai dimostrate.

L’esperto spiega casi diversi

Sono sempre di più i casi di malnutrizione che arrivano negli ospedali, racconta Alberto Villani, responsabile di Pediatria Generale del Bambino Gesù di Roma, simili a quello del bimbo ricoverato nel milanese. “I casi di alimentazione non sempre adeguata si moltiplicano, noi medici ormai stiamo imparando a fronteggiare queste situazioni, ma qualche volta è molto difficile capire cosa è successo – spiega Villani – Abbiamo avuto ad esempio un bambino apparentemente in salute che era invece del tutto privo di vitamina C perché la mamma gli dava da mangiare solo cibi cotti e frullati. Poi ci sono bambini allergici o ritenuti tali con diete incongrue, tenendo conto che l’allergia alimentare è presente in realtà in meno del 3% dei bambini, mentre quelli a dieta sono molti di più. In molti casi la situazione si risolve, ma in altri ci sono danni permanenti. Una paziente nutrita solo con la dieta vegana che è arrivata da noi l’anno scorso con un deficit gravissimo di vitamina B12 ha dei danni neurologici ancora oggi, e difficilmente riuscirà a guarire”.

Test allergici non validati

Spesso a determinare la scelta di togliere uno o più alimenti, è emerso da un recente convegno promosso dall’Istituto superiore di sanità (Iss), sono test allergici non validati, come quelli che trovano teoriche intolleranze ai metalli imponendo di eliminare alcuni cibi. Altri genitori decidono di togliere il latte autonomamente, anche sulla base di teorie pseudoscientifiche, sostituendolo con il latte di mandorla che però ha un contenuto proteico enormemente inferiore.

Dieta vegana pericolosa

Anche la dieta vegana, sempre più di moda, è un pericolo per i bambini secondo Villani, che è anche vicepresidente della Società italiana di pediatria (Sip). “Mentre gli adulti hanno un organismo ormai completo, e non c’è la stretta necessità di una dieta variegata, nei bambini tutti gli studi e le linee guida ribadiscono che la dieta migliore perché cresca sano è quella di tipo mediterraneo, con un apporto proteico anche da carne e pesce in quantità non eccessive. Noi come pediatri dobbiamo suggerire il meglio, e dobbiamo dire chiaramente che non bastano i supplementi, dobbiamo fare in modo che i bimbi vengano nutriti in maniera completa, e non accontentarci che sopravvivano. Poi c’è sempre qualcuno che afferma il contrario, ma bisogna pensare che dietro queste diete ‘fantasiose’ spesso ci sono anche degli interessi economici. Esiste un circuito di personaggi e pseudo-nutrizionisti che avallano sconcezze per fini di lucro”.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*