Più attenzione ai bambini che rifiutano il cibo!

22 agosto, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_157679078Mangiare troppo poco e pochi tipi di cibo è un problema comune nei bambini, ma può portare a una cattiva nutrizione, conflitti familiari e genitori frustrati.

Anche se molte famiglie ritengono che si possa considerare come una fase, un nuovo studio dimostra che il rifiuto  del cibo coincide spesso con gravi problemi dell’infanzia, come la depressione e l’ansia, che possono avere bisogno di un intervento.

Secondo lo studio, pubblicato sulla rivista Pediatrics, oltre il 20% dei bambini dai 2 ai 6 sono mangiatori “selettivi”. Di loro, circa il 18% sono stati classificati come moderatamente esigenti.
Per gli altri bambini, circa il 3%, sono stati classificati come gravemente selettivi – la loro assunzione di cibo che ha limitato in modo restrittivo la loro capacità di mangiare con gli altri.

“La domanda per molti genitori e medici è: quando il bimbo è così schizzinoso è veramente un problema?” ha detto l’autrice Nancy Zucker, direttore del Duke Center for Eating Disorders. “I bambini di cui stiamo parlando non sono solo bambini indisciplinati che si rifiutano di mangiare il loro broccoli.”

I bambini con abitudini alimentari selettive, moderate e gravi, hanno mostrato sintomi di ansia e altri disturbi mentali. Lo studio ha anche riscontrato che i bambini con comportamenti alimentari selettivi avevano quasi il doppio di probabilità di avere un aumento dei sintomi di ansia generalizzata, considerando gli intervalli di controllo, in un periodo iniziale con 3.433 bambini.

“Questi sono i bambini per i quali mangiare è diventato così limitato o selettivo che comincia a causare problemi”, ha detto Zucker. “Il disagio può assumere molte forme diverse. Può incidere sulla salute, la crescita del bambino, l’inserimento sociale, e la relazione genitore-figlio. Il bambino può sentire che nessuno gli crede, e i genitori possono sentirsi accusati per il problema.”

Sebbene i bambini con selettività moderata non abbiano mostrato un aumento della probabilità di diagnosi psichiatriche formali, i bambini con grave selettività per il cibo avevano una raddoppiata probabilità di avere anche una diagnosi di depressione.

Tutti i bambini con selettività verso il cibo  rispondevano ai criteri diagnostici per un disturbo alimentare chiamato ARFID (Avoidant/Restrictive Food Intake Disorder – disturbo da evitamento/restrizione del cibo) , una nuova forma di disordine alimentare compresa nel più recente Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali
(DSM V).

“I risultati suggeriscono anche che i genitori sono spesso in conflitto con i loro figli per il cibo – una condizione che non necessariamente si traduce nell’alimentazione del bambino – e le famiglie e i loro medici hanno bisogno di nuovi strumenti per affrontare il problema” – ha aggiunto Zucker.

“Non c’è dubbio che non tutti i bambini possano andare incontro a un’alimentazione selettiva cronica in età adulta”, ha detto Zucker. “Ma dato che ora questi bambini mostrano una compromissione della salute e del benessere, abbiamo bisogno di iniziare a sviluppare modi per aiutare genitori e medici su quando e come intervenire.”

“Le esperienze di questi bambini con il cibo possono essere diverse e riguardare la percezione sensoriale di odore, sapore e consistenza di alcuni alimenti, causando l’avversione e il disgusto. Alcuni bambini possono aver avuto una brutta esperienza con un certo cibo, e sviluppano ansia quando si cerca  di proporre un nuovo alimento”, ha spiegato Zucker.

“Alcuni bambini possono trarre beneficio dalla terapia, che può includere gli alimenti che causano ansia demistificandoli attraverso l’esposizione. Ma i metodi tradizionali non possono riguardare i bambini con alterata sensibilità sensoriale, per i quali alcuni odori e sapori sono troppo intensi e non potranno mai essere appetibili. Nuovi interventi sono necessari per trattare con i bambini che hanno frequenti esperienze di disgusto”. “I trattamenti, quindi, devono anche essere più adatti alle fascia di età del paziente” ha aggiunto.

Uno dei vantaggi è che, il mangiare selettivo dei bambini, è una condizione che i genitori possono facilmente riconoscere, e potrebbe essere un ottimo strumento per l’identificazione dei bimbi che possono essere a rischio di ansia e depressione.

“E’ un buon modo per ottenere interventi nei bambini ad alto rischio, soprattutto se i genitori chiedono aiuto”, ha concluso Zucker.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*