Più attività fisica in famiglia? La risposta è il fitness tracker

5 ottobre, 2017 nessun commento


Share

(Reuters Health) – Un valido aiuto per vincere la battaglia contro la pigrizia, a quanto pare, potrebbe arrivare dall’utilizzo di un fitness tracker, uno strumento che registra i movimenti compiuti durante la giornata, ma solo se unito a una buona dose di orgoglio che, a quanto pare, spingerebbe mamme, papà e figli e muoversi di più per arrivare primi nella competizione giornaliera tra chi, ad esempio, ha camminato per più chilometri durante la giornata. A dimostrare l’efficacia dell’approccio “competitivo”, uno studio su JAMA Internal Medicine.

Lo studio
Mitesh Patel, ricercatore presso l’Università di Pennsylvania di Philadelphia e direttore della Penn Medicine Nudge Unit e colleghi, hanno dato un fitness tracker a 200 adulti e hanno chiesto loro di impostare obiettivi di conteggio giornaliero per aumentare i loro livelli di attività. Tutti avevano almeno un altro membro della famiglia che partecipava all’esperimento e la metà delle famiglie è stata scelta in modo casuale per una competizione a squadre con premi legati al raggiungimento di obiettivi giornalieri e settimanali. Per vincere il gioco tutti i partecipanti della stessa famiglia dovevano raggiungere il numero prestabilito di esercizi quotidiani. Questo perché il punteggio di ogni giorno era basato su una sola persona e i partecipanti non dovevano essere informati di quale persona della famiglia sarebbe stata selezionata per controllare il loro esercizio. Durante lo studio, durato 12 settimane, i concorrenti hanno raggiunto i loro obiettivi giornalieri più spesso rispetto ai partecipanti che non erano inclusi nel gioco. I giocatori hanno inoltre aumentato i loro livelli di attività quotidiana di circa 1.700 passi, più del doppio di quanto ottenuto dalle persone che non erano in gara. “Il gioco è stato progettato per aiutare le famiglie a lavorare e raggiungere tutti insieme i loro obiettivi – spiega Patel – Questo risultato sfrutta la collaborazione, la responsabilità e il supporto dei pari per motivare un cambio di atteggiamento. Il gruppo di controllo ha usato solo i tracker e ci sono diversi studi che dimostrano che per la maggior parte delle persone questi tracker da soli non comportano un cambiamento di abitudini importante”. Nel gioco, ogni giorno, la famiglia vinceva o perdeva 10 punti in base al fatto che uno dei suoi membri, scelto in modo casuale, raggiungesse o meno uno dei propri obiettivi. Ogni settimana, le famiglie che ottenevano almeno 50 punti avanzavano di un livello nel gioco, mentre le famiglie che non riuscivano ad ottenere i punti sufficienti scendevano di un livello. Erano disponibili per tutti delle indicazioni per poter continuare il gioco anche quando  qualcuno della famiglia era malato e le famiglie potevano vincere dei premi quando avevano raggiunto un livello avanzato entro la fine del gioco. Inoltre, dopo il periodo iniziale di 12 settimane, tutti nello studio hanno continuato a utilizzare i tracker di fitness per altre 12 settimane. Durante questo periodo, le persone parte dei gruppi che avevano partecipato ai giochi avevano perso alcuni dei loro avanzamenti iniziali nei passi quotidiani. Ma continuavano a fare di più delle persone del gruppo di controllo, come precisano gli autori nel loro articolo.

JAMA Intern Med 2017
di Lisa Rapaport

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Nutri&Previeni)

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*