Pranzi natalizi senza sensi di colpa con ‘digiuno consapevole’

5 dicembre, 2016 nessun commento


Share

natale pranzoCome da tradizione, le festività natalizie, seppure tanto attese, sono anche ‘tormentate’ da lauti pranzi conviviali e da trasgressioni alla dieta dimagrante e salutare, spesso appena cominciata con fatica. Così molti stanno già pensando a come fare per limitare molteplici danni alla forma fisica, magari non ancora guadagnata dopo tanti sacrifici. “A Natale non serve privarsi della gioia di condividere un pasto in compagnia e neppure colpevolizzarsi troppo, basta fare un digiuno consapevole, ovvero, il giorno dopo, evitare carboidrati, proteine animali e grassi”. A spiegarlo è Pier Luigi Rossi, medico specialista in Scienza dell’alimentazione e autore del libro “Conosci il tuo corpo, scegli il tuo cibo” (Aboca 2016).

Parola di esperto

Il periodo natalizio, per definizione, è uno dei peggiori nemici di chi sta a dieta. Il consiglio dell’esperto, però, è quello di non penalizzarsi troppo rinunciando ai banchetti conviviali, simbolo delle feste, ma applicare il giorno seguente un ‘digiuno consapevole’. Ovvero, “colazione proteica, a metà mattina e a merenda centrifughe ed estratti di frutta e verdura, a pranzo e cena un piatto di verdure crude seguito da verdure cotte, con un pezzetto di pane. L’assenza di alimenti di origine animale consente pulizia dell’intestino e del fegato facendo vivere allegramente il Natale ma con quella consapevolezza che è alla base della salute”.

Docente presso l’Università degli Studi di Bologna e l’Università della Repubblica di San Marino, Pier Luigi Rossi è anche animatore di un seguitissimo gruppo di discussione condiviso su Facebook, “Dieta Social”, nel quale migliaia di persone da tutta Italia si scambiano consigli e condividono i successi del loro dimagrimento, che spesso coincide con un cambiamento enorme in termini di qualità di vita.

Tag:, , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*