Prova costume: insoddisfatto il 92% dei maschi italiani

26 luglio, 2017 nessun commento


Share

In vista delle vacanze al mare, la maggior parte degli italiani si angoscia per la pancia o per le maniglie dell’amore che confermano il fallimento della prova costume. A sentirsi più insicuri, a sorpresa, sono soprattutto i maschi: il 92% degli uomini, secondo un’indagine, si dichiara “poco o per niente soddisfatto” del proprio addome e girovita, contro l’80% delle donne.

I dati arrivano dall’Osservatorio Nestlè – Fondazione Adi, nell’ambito dello studio annuale svolto sulle abitudini alimentari degli italiani. Ma non è solo la ‘pancetta’ a lasciare insoddisfatti gli italiani: secondo l’indagine “il 55% delle donne non ama le proprie gambe, il 39% i fianchi, il 31% i glutei e il 26% le braccia. Gli uomini, invece, oltre all’addome sono principalmente insoddisfatti dei loro fianchi (20%), del petto (19%) e delle gambe (11%)”.

I dati emersi, spiega l’Osservatorio, “colpiscono alla luce di una maggiore consapevolezza e attenzione degli italiani all’alimentazione emersa con un’altra nostra indagine recente”. La soluzione a questo scontento, secondo gli esperti, passa come sempre dal movimento fisico e da un’alimentazione sana ed equilibrata.

“Il movimento fisico – commenta Giuseppe Fatati, coordinatore scientifico dell’Osservatorio – innesca un circolo virtuoso tra sport e alimentazione, migliorando entrambi. Inserire un’attività fisica all’interno della propria quotidianità aiuta ad educare il nostro corpo a uno stile di vita più sano sotto ogni punto di vista, anche quello alimentare. E in questo sono soprattutto gli uomini a darsi da fare non appena iniziano le ferie. Meno tempo sotto l’ombrellone, maggior dedizione allo sport e alcune accortezze a tavola. E’ importante però – conclude – tenere in considerazione in quale momento della giornata si fa attività fisica, e declinare la propria alimentazione in base ai ritmi di vita”.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*