Quando la fame cala, l’osso si dirada

25 settembre, 2015 nessun commento


Share

shutterstock_185810876Durante l’avanzamento di una ricerca che sta cercando di chiarire il ruolo di un gruppo di neuroni del cervello, alcuni  ricercatori, della Yale School of Medicine, hanno scoperto che questi neuroni controllano non solo la fame e l’appetito, ma sono in grado di regolare anche la massa ossea. E hanno pubblicato la loro scoperta online sul sito della rivista Cell Reports.

“Abbiamo scoperto che il livello della fame potrebbe, in qualche modo, definire la struttura ossea”, ha detto uno degli autori, Tamas L. Horvath, docente della Yale School of Medicine e direttore del progetto Yale Program in Integrative Cell Signaling and Neurobiology of Metabolism.

“Minore è la sensazione di fame, minore sarà la densità ossea, e sorprendentemente, gli effetti di questi neuroni sulla massa ossea sono indipendenti l’effetto della leptina (l’ormone che regola la sazietà) su queste stesse cellule.” – spiega Horvath.

Horvath e il suo team si sono focalizzati su un gruppo di neuroni nell’ipotalamo (neuroni AgRP), che controllano l’alimentazione e i comportamenti compulsivi. Utilizzando topi che sono stati geneticamente progettati in modo che le loro cellule possano interferire selettivamente con i neuroni AgRP; il team ha così scoperto che queste stesse cellule neuronali sono anche coinvolte nella determinazione della massa ossea.

I ricercatori hanno scoperto anche che quando i circuiti neuronali AgRP venivano soppressi (perdevano la loro attività), si verificava la perdita di tessuto osseo e l’osteopenia nei topi – l’equivalente di osteoporosi nelle donne. Ma quando vi era un’esaltata attività neuronale AgRP nei topi, veniva in realtà promosso un aumento della massa ossea.

“Nel loro insieme, queste osservazioni stabiliscono un ruolo regolatore significativo per i neuroni AgRP nel metabolismo osseo scheletrico indipendente dell’azione della leptina”, ha detto Karl Insogna, coautore dello studio e direttore dello Yale Bone Center. “Sulla base dei nostri risultati, sembra che l’effetto di neuroni AgRP sul metabolismo osseo negli adulti sia mediato, almeno in parte dal sistema nervoso simpatico, ma più di una via è probabilmente coinvolta.”

“Ci ​​sono altri meccanismi attraverso i quali il sistema AgRP potrebbe incidere sulla massa ossea, comprese azioni sui sistemi di gonadi, tiroide, surrene e” – ha aggiunto – “sono necessari ulteriori studi per valutare il controllo ormonale del metabolismo osseo come percorso modulato dai neuroni AgRP.”

Tag:, , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*