Dermatite atopica, disturbi dell’apprendimento e risultati scolastici

Condividi:

(Reuters Health) – Due studi pubblicati da JAMA Dermatology hanno fatto emergere correlazioni tra dermatite atopica (AD), problemi nell’apprendimento e performance scolastiche peggiori nei giovani. Nel primo studio, Joy Wan e colleghi, della Perelman School of Medicine della University of Pennsylvania di Philadelphia, hanno analizzato i dati relativi a oltre 2.000 adolescenti con dermatite atopica (età mediana, 16 anni; 54%…

Leggi

Covid: bimbi immunocompromessi non hanno maggiore gravità

Condividi:

I bambini con un sistema immunitario indebolito non hanno un rischio maggiore di sviluppare una grave infezione da Covid-19. E’ quanto emerge da uno studio dell’Università di Southampton pubblicato sulla rivista scientifica Bmj Open. Gli studiosi hanno osservato circa 1.500 bimbi immunocompromessi e hanno notato che i sintomi simili a quelli dell’infezione da Covid-19 erano comuni in molti dei bambini…

Leggi

Donne attente alla salute ma il Covid ha ridotto la prevenzione

Condividi:

Le donne sono più attente alla cura del corpo rispetto agli uomini. Sono più consapevoli e meglio informate sui temi della prevenzione, e in generale è più facile che abbiano stili di vita piu’  sani. Ma l’effetto boomerang della pandemia Covid-19 ha messo a dura prova soprattutto loro, con ricadute dirette sulla salute, fisica e non solo. A puntare l’attenzione…

Leggi

La Commissione Ue vieta gli alimenti con Aloe: “Possono danneggiare il Dna”

Condividi:

Con un nuovo regolamento, la Commissione dell’Unione Europea blocca gli alimenti con aloe-emodina, emodina, dantrone ed estratti di aloe contenenti derivati dell’idrossiantracene. Il divieto è scattato dall’8 aprile. A rischio la salute di chi li assume. “Considerando i gravi effetti nocivi per la salute associati all’impiego negli alimenti di aloe-emodina, emodina, dantrone ed estratti di aloe contenenti derivati dell’idrossiantracene, e…

Leggi

Dai primi mille giorni a cento anni di vita, la prevenzione a portata di mouse: arriva un sito dedicato

Condividi:

Progetto editoriale di GSK, il sito internet laprevenzionenonhaeta.it nasce per avvicinare alla conoscenza delle vaccinazioni e offrire risposte alle domande più frequenti. Disponibile anche uno strumento che, in pochi secondi, presenta la scheda personalizzata per la prevenzione vaccinale, su misura per ogni persona Prima ancora che un bambino nasca, all’epoca del concepimento, comincia per lui una “vita parallela” nell’utero materno. È l’esistenza della…

Leggi

Melanoma. Peris (SIDeMaST): “Non si muore per l’asportazione di un neo”

Condividi:

“Non voglio entrare in merito alla vicenda accaduta che è molto complessa e sarà verificata e giudicata dalle autorità competenti; il messaggio che vorrei lanciare come Presidente SIDeMaST e vorrei arrivasse a tutti è che non si muore per l’asportazione di un ‘neo’ come viene enfatizzato nei titoli di tutti i quotidiani; quello che è stato asportato era sicuramente già…

Leggi

Covid: il lockdown cambia la vita dei bimbi con emicrania

Condividi:

L’emicrania non colpisce solo gli adulti, ma può toccare fino all’11% dei bambini in età scolare e interessa, più o meno frequentemente, un adolescente su quattro. La pandemia e il lockdown hanno aumentato proprio nei giovani i sintomi, le disabilità e le problematiche della vita di tutti i giorni. A sottolinearlo è Antonia Versace, responsabile del Centro cefalee dell’età evolutiva…

Leggi

Covid: la lattoferrina può avere effetti moderati

Condividi:

La proteina lattoferrina può essere un “immunomodulatore della risposta immunitaria antivirale con effetti moderati contro l’infezione da Sars-Cov-2”. A dirlo è uno studio italiano condotto in laboratorio e coordinato dall’Università di Padova, che ha visto anche la partecipazione dell’Istituto veneto di oncologia, delle Università di Milano e Pisa che è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nutrients. Oltre a questa ricerca…

Leggi

Con pandemia 1 bimbo su 2 ha smesso fare sport

Condividi:

Quasi un bambino su due, un ragazzo su tre e un adulto su quattro “oggi ha smesso di fare attività sportive. Mentre si registra un aumento dei problemi di sovrappeso, obesità e sedentarietà”. A fotografare le conseguenze secondarie della pandemia è Valentina Vezzali, sottosegretaria allo Sport ed ex campionessa olimpica, che lancia un appello: la ripartenza dello sport è “una…

Leggi

Correlazione tra alimentazione e sarcomi: al via gli studi

Condividi:

Studiare le conseguenze dell’alimentazione nei pazienti con sarcoma e indagare l’effetto di un noto farmaco antidiabete, la metformina, come terapia di mantenimento nei pazienti con sarcomi ossei ad alto rischio di ricaduta. Questo l’obiettivo di due studi italiani che saranno presentati al congresso della European Society for Pediatric Oncology (Siop Europa) dal 28 al 30 aprile. I sarcomi sono tumori…

Leggi

Covid, sedentarietà legata alla gravità della malattia

Condividi:

L’inattività fisica è legata a un rischio più elevato di esiti gravi della Covid-19. A dirlo è uno studio pubblicato sulla rivista scientifica British Journal of Sports Medicine che è stato realizzato dai ricercatori del Kaiser Permanente Medical Center. Nell’analisi sono stati analizzati 48.440 pazienti che hanno avuto una diagnosi di Covid-19 tra il 1 gennaio 2020 e il 21…

Leggi

Da scarti limone integratori contro rischio cardio-vascolare

Condividi:

Brevettata da Enea una metodologia innovativa per trasformare gli scarti della lavorazione del limone in integratori e nutraceutici da utilizzarsi nella prevenzione di alcune patologie come obesità, diabete, ipercolesterolemia e disturbi cardio-vascolari. L’innovazione, messa a punto con le aziende siciliane Navhetec srl e Agrumaria Corleone spa, si basa sull’utilizzo della tecnologia “separazione su membrana”, messa a punto dall’Agenzia nazionale per…

Leggi

Covid: integratori potrebbero ridurre il rischio di malattia grave. Lo studio italiano

Condividi:

Gli integratori a base di vitamina D, C, melatonina e zinco potrebbero avere un effetto antinfiammatorio nella cura del Covid-19. a dimostrarlo è uno studio realizzato dal professore Salvatore Corrao, componente del comitato tecnico scientifico della Regione Siciliana e direttore del reparto Covid dell’ospedale Civico di Palermo e pubblicato su Nutrients. Alla ricerca hanno partecipato anche Eurocenter Venalinfa di San…

Leggi

Salute cardiometabolica: i veri alleati sono sport e alimentazione

Condividi:

Fare regolarmente attività fisica e seguire una dieta sana per chi è nella mezza età può essere la chiave per raggiungere una salute cardiometabolica ottimale più avanti negli anni. A rivelarlo è uno studio, pubblicato sul Journal of the American Heart Association, realizzato dalla Boston University. Gli studiosi hanno analizzato i dati di 2.379 adulti e hanno osservato che la…

Leggi

Rischio cuore: un aiuto dalla dieta atlantica

Condividi:

La dieta atlantica, tipica della Galizia e del Nord del Portogallo, ricca di pesce, carne, latticini, verdure, legumi, patate e pane di grano intero, è legata a una minore mortalità tra gli adulti più anziani. Lo indica la ricerca pubblicata sulla rivista Bmc Medicine dall’Università Autonoma di Madrid e dagli istituti Ciberesp e Imdea. Un precedente studio condotto dagli stessi…

Leggi

Covid-19. Fnomceo: nessuna dieta fa da scudo, ma mangiare sano aiuta

Condividi:

“Al momento non esiste un’alimentazione che protegga da Covid-19”, ma mangiare in modo corretto è fondamentale per il benessere fisico e mentale. Le persone che seguono una dieta ben bilanciata, infatti, “tendono a essere più sane, ad avere un sistema immunitario più forte e un minor rischio di malattie croniche e infettive”. A far chiarezza su una delle domande più…

Leggi

La dieta mediterranea potrebbe contribuire a contrastare la progressione del tumore alla prostata

Condividi:

La dieta mediterranea potrebbe migliorare le condizioni di salute delle persone affette da cancro alla prostata, secondo uno studio condotto dai ricercatori del MD Anderson Cancer Center dell’Università del Texas e pubblicato dalla rivista Cancer. Hanno partecipato allo studio 410 persone con tumore alla prostata a cui è stato proposto un questionario sull’alimentazione composto da 170 voci. Tutti i partecipanti allo studio sono…

Leggi