Scoperto il meccanismo che regola il gene dell’obesità!

Condividi:

shutterstock_140899765Dall’America arriva finalmente un nuovo approccio per prevenire e forse anche curare l’obesità, grazie ad uno studio condotto da ricercatori del MIT e della Harvard Medical School e pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Analizzando il circuito cellulare che si trova alla basse dell’associazione genetica con l’obesità, i ricercatori hanno svelato un nuovo percorso che controlla il metabolismo umano richiedendo ai nostri adipociti (cellule del tessuto adiposo), di immagazzinare il grasso o di bruciarlo.

In pratica, gli studiosi hanno finalmente capito come funziona il gene dell’obesità (FTO – fat mass and obesity associated gene), e hanno scoperto un nuovo meccanismo secondo cui una specie di scambio, di interruttore, potrebbe indurre le cellule del grasso a immagazzinare o a bruciare le riserve, influenzando così l’accumulo o la perdita di peso. Le varianti del gene FTO individuate sono associate al rischio di obesità e sono presenti nel 44% degli individui di origine europea, e solo nel 5% dei neri: la loro presenza, però, non vuol dire essere destinati a diventare obesi, ma può predisporre ad esserlo. Tuttavia, finora, nessuna ricerca era riuscita ad individuare i meccanismi per spiegare come queste differenze genetiche contribuiscano o meno a determinare l’obesità; questi nuovi risultati sono quindi molto promettenti.

I ricercatori non sanno, però, quanto tempo potrebbe servire prima di sviluppare un farmaco sulla base dei nuovi dati, e comunque resta improbabile che possa essere sviluppata una “pillola magica” per permettere alle persone di mangiare quello che vogliono senza ingrassare. Tuttavia si aprono nuove prospettive per contrastare l’obesità.

Articoli correlati

Lascia un commento

*