Sindrome metabolica: prevenzione e cura con la vitamina D

23 dicembre, 2016 nessun commento


Share

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Frontiers in Physiology, proveniente dall’Università del Sichuan, in Cina ha dimostrato, in un esperimento su topi, che un insufficiente apporto di vitamina D aggrava lo squilibrio nella flora intestinale, peggiorando la sindrome metabolica: diminuisce infatti la produzione di defensina, proteina antimicrobica essenziale per mantenere la flora intestinale sana.

Intervenendo sulla carenza di vitamina D, con l’esposizione al sole, la dieta o con supplementi della vitamina stessa, aumentano i batteri buoni nell’intestino, contrastando così la sindrome metabolica, caratterizzata da disfunzioni del metabolismo che costituiscono fattori di rischio per diabete e malattie cardiache.

Le premesse
La sindrome metabolica colpisce quasi un quarto della popolazione adulta nel mondo e ha come sintomi obesità, aumento della circonferenza della vita per accumulo di grasso, alti livelli di zucchero nel sangue (iperglicemia), pressione del sangue elevata o livello di colesterolo alto circolante e un eccesso di grasso nel fegato (steatosi epatica). Ad innescarla spesso è una dieta troppo ricca di grassi e carboidrati.

Lo studio sui topi
Fornendo però un’integrazione di defensina sintetica, come hanno mostrato i ricercatori, si recupera l’equilibrio della flora batterica intestinale, si riducono i livelli di zucchero nel sangue e si migliora il fegato grasso.

“Sulla base di questo studio, riteniamo che mantenere elevati i livelli di vitamina D, attraverso l’esposizione al sole, la dieta o l’integrazione, possa costituire un beneficio per la prevenzione e il trattamento della sindrome metabolica”, commenta Stephen Pandol, del Cedars-Sinai Medical Center, negli Stati Uniti, che ha collaborato allo studio.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*