Stress e adolescenti: una buona dormita aiuta

6 Marzo, 2020 nessun commento


Condividi:

Un buon sonno ristoratore per affrontare al meglio situazioni di stress sociale e atti di discriminazione. A suggerirlo è uno studio della Michigan State University pubblicato su Child Development. La ricerca ha analizzato gli studenti tra i 14 e i 15 anni e ha scoperto che una sana dormita li aiuta a risolvere problemi in modo più efficace e a cercare il sostegno dei pari eta’ di fronte alle difficoltà. Dicono i ricercatori, che hanno fatto la ricerca seguendo le differenze del sistema scolastico degli Stati Uniti, come il passaggio dalla scuola secondaria di I grado a quella di II, rivesta un particolare momento nella vita del ragazzo. Infatti, è a maggior rischio di dormire meno a causa dei nuovi orari della scuola e di maggiori fattori di stress, oltre a una maggiore diversità nell’ambiente sociale e nelle relazioni.

Gli studiosi hanno scoperto che se un adolescente ha una buona notte di sonno è in grado di affrontare meglio le esperienze difficili come gli episodi discriminanti, anche a sfondo etnico. Una scoperta che per gli studiosi è stata sorprendente è che i coetanei, non i genitori, sono stati quel supporto immediato capace di aiutare gli adolescenti ad affrontare la discriminazione. “Rispetto ai genitori, è probabile che i coetanei siano coinvolti nelle esperienze degli adolescenti come testimoni di discriminazione etnica o razziale – ha detto Yijie Wang, docente di sviluppo umano e studi familiari alla Michigan State University – In quanto tali, sono più di un supporto immediato di conforto per gli adolescenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*