Mindfulness: può funzionare anche con una app

Condividi:

(Reuters Health) – 20 minuti al giorno, usando una app per smartphone che offre un training per la mindfulness, per sentirsi meno soli e avere più interazioni sociali delle persone che non la usano. È il risultato di un piccolo esperimento dalla Carnegie Mellon University di Pittsburgh. Il mindfulness training è da tempo legato a riduzioni nell’isolamento sociale, ma la…

Leggi

Ciclo: un’app permette di auto-applicare la digitopressione per alleviare il dolore

Condividi:

(Reuters Health) – Seguendo le indicazioni di un’app per smartphone è possibile auto-applicarsi la tecnica della digitopressione per alleviare i dolori mestruali. È quanto avrebbe dimostrato uno studio coordinato da Claudia Witt dell‘Institute for Complementary and Integrative Medicine dell’Università di Zurigo, in Svizzera. Il team, che ha sviluppato una sua app ad hoc, AKUD, ha pubblicato la ricerca sull’American Journal…

Leggi

Una camminata a passo svelto è sempre salutare

Condividi:

Bastano 10 minuti di camminata a passo svelto ogni giorno per ridurre del 15% il rischio di morte precoce; è utile anche dai 40 anni in poi. Lo ricorda l’agenzia del governo inglese Public Health England che, come segnala la Bbc, sta lanciando l’app gratuita Active 10, che aiuta a monitorare individualmente il tempo trascorso camminando velocemente, e da’ consigli…

Leggi

Il mondo cammina poco e l’Italia non fa eccezione

Condividi:

Secondo quanto si afferma nel più grande studio sul tema mai condotto finora, basato sui dati ricavati dagli smartphone di oltre 700 mila persone in 111 Paesi, la media mondiale è di 5 mila passi al giorno a persona, con l’Italia poco più su, a 5.500. In breve: il mondo cammina poco e l’Italia non fa eccezione. I ricercatori dell’Università di…

Leggi

Più sicurezza alimentare con lo smartphone

Condividi:

I ricercatori dell’istituto di tecnologia del Massachusetts (Mit) guidati Qifan Zhang hanno pubblicato sulla rivista ACS Central Science un nuovo metodo per il possibile uso di alcune speciali microsfere capaci di mostrare la presenza di batteri. Il metodo permette di abbattere i costi e i tempi per fare i test sulla sicurezza alimentare usando semplicemente uno smartphone. In pratica con…

Leggi

Adolescenti: stress e cibo spazzatura aumentano rischio di malattie intestinali

Condividi:

Tra stress e cattive abitudini alimentari, “gli adolescenti sono tra le categorie più a rischio di sviluppare malattie infiammatorie croniche dell’intestino” e “rappresentano quasi il 25% dei pazienti”. E’ quanto afferma Antonio Gasbarrini, direttore dell’Area Gastroenterologia della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli, intervenuto ieri alla presentazione del progetto “In their shoes”, ovvero una app pensata perché si possa ‘vestire i…

Leggi

Diabete: nuovi sensori sottopelle facilitano i controlli

Condividi:

Con il nuovo sensore sottocutaneo, che permette di auto-controllarsi i livelli di zucchero nel sangue, che potrà essere ora usato da solo, senza la necessità del test con cui ci si punge il dito, la vita quotidiana dei malati di diabete sarà presto meno difficile. La Food and drug administration (Fda), l’agenzia Usa che regola i farmaci, ne ha infatti…

Leggi

Dal tuo telefonino si può sapere: chi sei, cosa mangi o bevi e come ti curi

Condividi:

Ecco una scoperta sensazionale che apre nuove prospettive per le applicazioni biotecnologiche dei telefoni cellulari; proviene da uno studio condotto negli Stati Uniti e pubblicato dalla rivista Proceedings of the national academy of sciences (Pnas).  Alcuni ricercatori della University of California di San Diego hanno scoperto che il telefono cellulare, attraverso le molecole che vengono rilasciate toccandolo di continuo, può ‘rivelare’…

Leggi

‘Fitness tracker’ non utili per dimagrire

Condividi:

Anche se le nuove tecnologie applicate alla scienza dell’alimentazione come app, smartwatch e braccialetti fitness, possono essere utili nel monitoraggio di chi desidera mantenersi in forma, sembra che non possano aiutare a dimagrire, anzi potrebbero rendere più difficile perdere peso. Lo dice uno studio pubblicato sulla rivista Jama e condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Pittsburgh. Infatti, gli…

Leggi

Volete perdere peso o smettere di fumare? Siti web e app possono aiutare

Condividi:

Pare proprio che la tecnologia sia senza limiti anche nel campo delle strategie per la salute. Potrebbe essere d’aiuto, infatti, anche per chi proprio non riesce a smettere di fumare o per chi rimanda la decisione di mettersi in movimento. Spuntano come i funghi nuove app, programmi basati sul web e fitness tracker, i braccialetti che misurano i parametri vitali,…

Leggi

App per la fertilità: non usarle come metodo anti-concezionale

Condividi:

Le app per smartphone e computer, pensate per aiutare la fertilità e consigliare alle coppie quali sono i giorni giusti per concepire, vengono usate da molte donne invece come contraccettivo. E’ quanto segnala il quotidiano inglese The Independent, riprendendo i dati di un nuovo studio che ha dimostrato che molte di queste app non sono sufficienti ad evitare una gravidanza.…

Leggi

Europa: crescono ancora senza controllo le app per la salute

Condividi:

Il mercato delle App mediche, nel mondo, è in continua crescita, con una platea potenziale di 500 milioni di utenti. E’ quanto hanno sottolineato gli esperti durante il convegno nazionale dell’Associazione italiana ingegneri clinici (Aiic), presieduta da Lorenzo Leogrande, che si è chiuso pochi giorni fa a Bari. Questo fiorente mercato, però, non ha ancora un preciso iter regolatorio, soprattutto…

Leggi

Nuova App “Nemesis” e Twitter contro le intossicazioni alimentari

Condividi:

Una nuova App, chiamata “Nemesis”, sviluppata da ricercatori dell’Università di Rochester, negli Stati Uniti, che utilizza il geotagging, ovvero l’etichetta che associa oggetti o avvenimenti a un determinato luogo, consentirà l’identificazione rapida dei focolai dove si sviluppano i germi che causano le intossicazioni alimentari, cioè dei locali e dei ristoranti ‘a rischio’. Infatti, grazie a Twitter la app “Nemesis” può…

Leggi

Tutta la nutrizione in un’App

Condividi:

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha lanciato un’App che permette di consultare con lo smartphone tutte le linee guida attualmente disponibili e gli interventi più corretti nel campo della nutrizione. Il nome della app è “E-LENA” (E-Library of Evidence for Nutrition Actions), si tratta di una biblioteca online creata nel 2011, nella quale è possibile consultare le linee guida sulla…

Leggi

Natale più sereno per celiaci e vegetariani

Condividi:

A tavola, le festività natalizie possono diventare molto rischiose, specie per chi soffre di celiachia o per chi ha problemi di allergie o intolleranze alimentari, oppure anche per chi è vegetariano o vegano. Per essere certi, dunque, di mangiare sicuro senza doversi sentire diversi, un aiuto può arrivare anche dalle app. Celiachia, intolleranze e allergie: si può scaricare gratuitamente registrandosi…

Leggi

Obesità infantile: un robottino aiuterà i bambini a combatterla

Condividi:

Si chiama “You”, il robottino giocattolo progettato da tre docenti con un gruppo di studenti della Seconda Università di Napoli e si propone di aiutare i bambini in sovrappeso a riconoscere i propri stimoli attraverso il meccanismo dell’identificazione. E’ stato pensato come una sorta di “compagno” con il quale il bambino si relaziona quotidianamente. Attraverso una app, il bambino nutre il…

Leggi

Conto delle calorie addio. Ora si conteranno i bocconi

Condividi:

Sembra che sia meglio contare i bocconi, piuttosto che le calorie, se si vuole dimagrire preservando la propria salute. In un nuovo studio pubblicato sulla rivista Advances in Obesity, Weight Management & Control, infatti, i ricercatori della Brigham Young University, negli USA, hanno riscontrato che le persone che contavano i bocconi nel corso di un mese hanno perso circa due…

Leggi